“Moulin Rouge”, sgominata la banda della carte di credito clonate: 10 nei guai

0

PISA – I Finanzieri del Comando Provinciale di Pisa hanno portato a termine un’indagine riguardante la repressione di numerose frodi commerciali commesse da cittadini di orgine romena/moldava in danno a numerosi esercizi commerciali presenti in Toscana e ai circuiti creditizi nazionali ed esteri, individuando e smantellando un sodalizio criminale.

L’autonoma attività info-investigativa poi diretta dal pm Sara Polino della Procura della Repubblica del Tribunale di Lucca ha permesso di individuare un sodalizio criminale dedito all’illecita contraffazione di codici bancari abbinati a sistemi elettronici di pagamento ed alla successiva spendita con carte di credito clonate, operante nelle province di Pisa, Lucca, Pistoia, Firenze, Massa, Roma e Bologna.

L’indagine, studiata nei minimi particolari, attraverso una profonda e costante attività d’”intelligence” (acquisizione ed analisi delle registrazioni dei sistema di videosorveglianza di divesi centri commerciali incrociati con i dati raccolti e le testimonianze) tra cui, lo studio delle abitudini di spesa del sodalizio (voluttuarie/divetimento/prodotti da ricettare) ha permesso, in poco tempo, attraverso diversi servizi di osservazione/pedinamento e controllo d’individuare tutti gli accoliti al sodalizio e gli immobili utilizzati dagli stessi, pur se non direttamente a loro riconducibili.

La perquisizione degli immobili è stata determinante in quanto, oltre a rinvenire una parte consistente dei prodotti acquistati a mezzo carte clonate quali, televisori Sony e Samsung, telefoni cellulari Apple e Samsung, notebook Apple e Sony, climatizzatori De Longhi, abbigliamento, calzature ed occhiali da sole di note griffes, pronti per essere ricettati, ha permesso attraverso l’analisi accurata dei documenti rinvenuti, di localizzare le basi logistiche ed il centro di compromissione ovvero un ristorante sito in Roma dove, un complice dipendente dello stesso riusciva a catturare, attraverso l’apparecchiatura elettronica denominata “SKIMMER”, i dati delle carte di credito di ignari clienti.

L’attività d’indagine si concludeva con l’esatta identificazione e attribuzione dei ruoli di ogni componente il sodalizio, determinando lo smantellamento dello stesso, composto da dieci membri tutti di etnia romena/moldava, deferiti all’A.G. perché ritenuti responsabili dei reati puniti e previsti dagli artt. 640 ter, 416 e 648 C.P. e dell’art. 55, comma 9, del D. Lgs. nr. 231/2007.

No comments

*