Multato subacqueo in pesca davanti gli “scogli piatti” a sud di Livorno

0

LIVORNO – È stato sorpreso dalla Capitaneria di porto di Livorno ad esercitare pesca subacquea davanti gli “scogli piatti”, nella zona di mare riservata alla balneazione, un pescatore dilettante di 48 anni. L’uomo, un pratese, residente nella provincia di Pistoia, è stato fermato mentre si trovava a soli 5 m dalla riva con il fucile subacqueo carico, noncurante dei rischi per la sicurezza dei bagnanti presenti in zona. Il sub, peraltro, era anche privo dell’apposito pallone di segnalazione, circostanza che ha aggravato il rischio per pubblica incolumità. Si ricorda che la normativa vigente prevede che la pesca subacquea possa essere esercitata a distanze non inferiori a 500 metri dalla costa frequentata dai bagnanti e che il pescatore deve segnalarsi con un galleggiante recante una bandierina con striscia diagonale bianca su sfondo rosso visibile ad almeno 300 metri. Oltre al sequestro delle attrezzature, la Guardia costiera Livorno ha sanzionato il pescatore per complessivi 1.000 euro.

Il numero blu 1530 per le emergenze in mare è attivo su tutto il territorio nazionale, 24 ore su 24. È un numero telefonico gratuito che permette di contattare la Capitaneria di porto più vicina, per ricevere un’assistenza immediata.

 

No comments

*