Nasconde la droga sui binari, arrestato

0

MASSA CARRARA – Arresto in flagranza di reato Talbi Z., un 34enne, pluripregiudicato, trovato in possesso di oltre 50 grammi di sostanza stupefacente del tipo eroina.
L’uomo, tenuto d’occhio da diversi giorni dai militari dell’Arma, salito a Pisa su un treno veloce scendeva alla stazione ferroviaria di Massa, ove con particolare disinvoltura e scaltrezza gettava nella massicciata del binario tre della stazione, in mezzo alle erbacce, un involucro di cellophane della grandezza di un kiwi. Successivamente di dirigeva come niente fosse verso l’uscita, ove ad attenderlo lo aspettavano militari di questo Nucleo Investigativo. Gesto che non passava inosservato ad un altro militari che, in attesa dell’arrivo del tunisino, si nascondeva lungo la massicciata ove poteva godere di ampia visuale senza essere individuato a sua volta.
In quel modo il sottufficiale aveva modo di verificare i movimenti dell’extracomunitario e di recuperare l’involucro con i 50 grammi di eroina abbandonato dall’uomo solo momentaneamente. Infatti i militari, secondo un modus operandi del tutto originale e mai constatato prima, potevano constatare che il tunisino, effettuando quella manovra, avrebbe evitato di essere trovato in possesso sulla persona della sostanza stupefacente a seguito di un eventuale controllo effettuato all’uscita dalla stazione ferroviaria, da parte di pattuglie delle Forze di Polizia, tornando in tutta tranquillità a recuperare la droga una volta verificato di avere “via libera”.
Si tratta di uno dei tunisini ancora in circolazione dopo l’operazione denominata “Scout” portata a termine da questo Nucleo Investigativo giorni addietro a seguito della quale veniva disarticolata l’importante organizzazione criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti, con l’esecuzione di 16 ordinanze di custodia cautelare di extracomunitari specializzati nei “viaggi dello spaccio” provenienti dal pisano.
L’uomo era stato scarcerato da una settimana, dopo aver scontato una pena di quattro anni per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti.
L’operazione è frutto di una serie di specifici servizi tesi a reprimere il dilagante fenomeno del traffico di sostanze stupefacenti, che da più tempo sta interessando questa Provincia.
Le tecniche finalizzate a non essere facilmente individuabili con la droga al seguito vengono ogni giorno perfezionate e affinate da parte dei corrieri ma, a quanto pare, rimangono insufficienti.

No comments

*