Non accetta il naufragio del matrimonio e perseguita la ex, arrestato

0

AGLIANA – Arrestato dai militari della Stazione di Agliana e del Norm di Pistoia un cittadino albanese residente ad Agliana, per atti persecutori. L’uomo, un operaio 39enne, con alcuni precedenti di polizia a suo carico, non aveva accettato il naufragio del matrimonio avvenuto alla fine del 2014 e la conseguente separazione dalla coniuge, una connazionale 34enne, attuando nel tempo una serie di comportamenti persecutori nei suoi confronti, consistenti in reiterate aggressioni verbali, in qualche caso degenerate in aggressioni fisiche, spesso scatenate dai continui dissapori relativi all’affidamento della figlia minore della coppia. Da qualche giorno le intemperanze dell’uomo si erano rivolte anche verso il nuovo compagno della ex moglie, un esercente 48enne anch’egli residente ad Agliana, e si sono ulteriormente inasprire ieri, dapprima con una serie di telefonate ed sms minatori inviati sia al cellulare dell’uomo che all’utenza della ex moglie nel corso della mattinata, culminate poi nella tarda mattinata, in una aggressione verbale alla coppia avvenuta sulla pubblica via, nel corso della quale entrambi sarebbero stati pesantemente minacciati di morte. Per la gravità del comportamento dell’operaio, le vittime chiedevano l’intervento dei militari e formalizzavano una denuncia querela nei suoi confronti. La normativa sugli atti persecutori o “stalking”, introdotta nel nostro ordinamento nel 2009, prevede il concretizzarsi di una serie di circostanze ed elementi, che nella vicenda erano presenti, come la reiterazione degli atti e il perdurante stato di ansia e paura per la propria incolumità tanto da dover indurre le vittime a modificare le proprie abitudini e attività giornaliere, per cui i militari provvedevano a formalizzare l’arresto dell’operaio informandone la Procura della Repubblica e trasferendo l’interessato presso il carcere di Pistoia ove verrà interrogato nei prossimi giorni.

No comments

*