Operazione “Black Spring”, arrestati per spaccio di droga 8 nigeriani tra Montecatini e Pescia

PISTOIA – Nella mattina odierna, la Polizia di Stato di Pistoia, nell’ambito dell’operazione “Black Spring”, ha tratto in arresto 8 persone di nazionalità nigeriana (7 uomini e una donna), residenti nei comuni di Montecatini e Pescia, poiché gravemente indiziate del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Sei degli arresti sono stati eseguiti in esecuzione in esecuzione di ordinanza di applicazione di misure cautelari, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Pistoia dott.ssa Mele su richiesta del P.M. titolare delle indagini, dottor Claudio Curreli, ad esito di indagini svolte dalla Squadra Mobile diretta dal vice questore aggiunto Antonio Fusco, supportate da intercettazioni telefoniche e servizi di osservazione sul territorio, che hanno consentito di individuare una rete di spacciatori di piazza che operava nei comuni di Montecatini Terme, Massa e Cozzile e Pescia nel periodo compreso tra marzo e luglio del 2017.

Gli altri due soggetti sono stati arrestati in flagranza di reato, durante una perquisizione eseguita in via Boccaccio a Montecatini Terme, poiché trovati in possesso di 2,3 kg di marijuana già confezionata in piccoli pacchetti e pronta per essere spacciata.

Alla fase odierna di esecuzione delle misure ha collaborato anche personale dei Commissariati di Polizia di Montecatini Terme e Pescia, del Reparto Prevenzione Crimine “Toscana” e di unità cinofile antidroga di Firenze e Roma.