Pantaleoni resta a Lucca, archiviato il suo trasferimento

0

LUCCA –  Quod nullum est nullum producit effectum (ciò che è nullo non produce alcun effetto)…

Così, sulla falsariga della tradizione giuridica romanistica, anche il procedimento di trasferimento per incompatibilità ambientale del Segretario Nazionale Consap, Gianluca Pantaleoni, viene archiviato dal Capo della Polizia Alessandro Pansa e non produrrà l’ effetto auspicato dal già Prefetto Santi Giuffrè rimosso dalla Direzione Centrale delle Specialità.

Quest’ultimo, infatti, con un’ autentica forzatura del dettato dell’ articolo 55 aveva attivato il meccanismo di trasferimento d’ufficio per Gianluca Pantaleoni, in ragione della sua pressante attività sindacale, tentando per questa (giuridicamente atipica) via di “fermarlo” e forse delegittimarlo agli occhi di tanti colleghi che a lui affidano la soluzione di piccoli e grandi problemi del loro quotidiano in Polizia.

 E’ la vittoria della ragione e della libertà di critica sindacale, e significativa è la circostanza che a questa archiviazione si sia addivenuti senza che l’interessato presentasse nemmeno le controdeduzioni di rito, a dimostrazione della fragilità e pretestuosita’ del castello accusatorio eretto contro di lui, e della forza di Pantaleoni, e della Consap, nel perorarne le ragioni.

Il Capo della Polizia Pansa non ha avallato il provvedimento che noi abbiamo avuto ragione di ritenere solo una misura cautelare-bavaglio, sebbene a proporglielo fosse il Prefetto Santi Giuffrè nel sua qualifica di Direttore Centrale delle Specialità, che da oggi ufficialmente andrà a ricoprire un altro incarico.

Sconfitta la volontà del Prefetto Santi Giuffre’, che in un colpo solo aveva fomentato un pensiero distorto della Polizia di Stato a quella della Chiesa cattolica dei tempi della Santa Inquisizione, e quanti (leggasi sindacati di Polizia), non solidarizzando all’epoca in alcun modo col collega Pantaleoni, forse taluni godendo della disgrazia altrui, magari pregustando anche l’ uscita di scena del tanto temuto competitor.

 

No comments

*