Parte Pitti Immagine Uomo, Rossi: “Sistema moda, cuore della Toscana che tiene”

0

FIRENZE – “Se la Toscana tiene si deve molto alla moda e ai suoi imprenditori, verso i quali esprimo tutta la mia gratitudine. Scommettono sul futuro, investendo e creando lavoro, soprattutto per le donne. E’ un mondo legato a tante piccole imprese e all’artigianato, fortemente vocate alla ricerca della qualità, cifra fondamentale insieme all’eticità della produzione, per le quali non cessiamo di impegnarci. La Toscana deve diventare la terra della moda-etica, tenendo insieme diritti, doveri, qualità del lavoro e dei prodotti”.

Così il presidente della Toscana, Enrico Rossi, all’inaugurazione, questa mattina, della 87^ edizione di Pitti Immagine Uomo che si svolge a Firenze dal 13 al 16 gennaio.

“Il fatturato del settore moda di Firenze e Prato unite – ha poi continuato Rossi – è analogo a quello di Milano. Per questo possiamo rivendicare una primazia di Firenze e Prato, ma direi della Toscana intera, che insieme a Milano sono una delle capitali della moda in Italia e nel mondo.

Quest’anno, rispetto a un quadro generale che si indebolisce sul fronte delle manifestazioni fieristiche, Pitti si conferma e si consolida. Oggi partecipiamo a un evento d’eccellenza a livello nazionale e internazionale”.

Anche per questo il presidente ha ringraziato il viceministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, presente alla giornata: “mostra da sempre un’ attenzione particolare a questo settore con la sua ripetuta presenza a Pitti. Noi abbiamo bisogno di uno Stato centrale che funzioni per poter sostenere ancora meglio la competetitività di questo importante settore produttivo”.

“La Regione- ha detto ancora Rossi – supporta con con forza il settore moda. Innanzitutto – ha ricordato – con i fondi europei. In Toscana le risorse europee per l’innovazione e gli investimenti le abbiamo usate tutte. Non solo, abbiamo anticipato i nuovi fondi (80 milioni dal nostra bilancio) alle aziende.

Voglio anche ricordare che a partire proprio dalle sollecitazioni che provenivano dal mondo della moda, abbiamo riformato il sistema della formazione per avvicinare e formare i ragazzi in modo semrpe più rispondente alle esegenze delle aziende. E poi, lasciatemelo dire, siamo finalmente riusciti a mettre insieme gli aeroporti di Pisa e Firenze, costruendo una unica società aeroportuale toscana, che la Regione ha promosso insieme a Firenze e Pisa. Gli aeroproti saranno potenziati e questo porterà vantaggi indubitabili alla nostra economia, moda compresa”.

“La moda – ha concluso – è creatività, libertà e ingegno e soprattutto appartiene al dna della cultura occidentale. In giorni segnati dalle tragiche vicende francesi, parlarne non è perciò un rifuggire dai drammi che ci investono e ci coinvolgono, come Paese e come Regione ma vuol dire confrontarsi con problemi dai quali dovremo uscire insieme, camminando. Camminare è il tema di questa 87^ edizione. E’ un’azione che rappresenta di per sé un balzo necessario. Anche a Parigi hanno fatto una camminata simbolica sugli Champs Elysees.

Camminare fa bene, fa ritrovare se stessi. Mi piace ricordare che la Regione Toscana per prima ha messo in sicurezza la via Francigena sulla quale si può camminare bene e gustarsi il piacere di cercare sempre nuove strade, oggi più che mai essenziale”.

No comments

*