Pasqua sicura e Polstrada in azione, sequestrato 1 chilo di droga e ritirate 48 patenti: controlli anche in Versilia

TOSCANA – Ha già dato i primi frutti in Toscana il piano della Polizia Stradale per Pasqua, finalizzato a consentire ai vacanzieri di viaggiare in sicurezza lungo le principali arterie della regione. E’ stato registrato un aumento del traffico rispetto alla scorsa settimana, che si prevede raggiungerà il picco venerdì prossimo, nonché tra il pomeriggio di Pasquetta e il martedì successivo.

Sorvegliate speciali sono l’A/1, tra Chiusi e Barberino del Mugello, l’A/11 e l’A/12, lungo il litorale tirrenico tra Rosignano e la Versilia, nonché l’A/15 in provincia di Massa. Ma controlli sono stati programmati anche su Autopalio, S.G.C., Aurelia e altri snodi importanti, in modo da monitorare pure i veicoli in transito nell’aretino, in Maremma e nel comprensorio della Piana.

Un piano studiato nei dettagli dal Compartimento di Firenze che, tramite la centrale operativa della Polstrada, solo negli ultimi 5 giorni ha coordinato 461 pattuglie. Il dispositivo è stato supportato da un elicottero dell’8° Reparto Volo della Polizia di Stato con base a Firenze che, dall’alto, ha segnalato i movimenti di veicoli sospetti, nonché da unità cinofile antidroga e antiesplosivo, il cui fiuto serva a stanare quelli usano le strade per realizzare i loro loschi traffici.

Finora sono stati controllati 794 veicoli e 1.138 persone, con la contestazione di 2.228 infrazioni, tra cui 186 eccessi di velocità. Gli automobilisti trovati senza cinture allacciate sono stati 87, mentre 60 quelli pizzicati a smanettare con il cellulare e che, distraendosi, rischiavano di provocare incidenti.

Le patenti ritirate sono state 48, le carte di circolazione 45, mentre i punti sottratti 2.120. I poliziotti hanno anche soccorso 307 automobilisti in difficoltà.

Nel corso dell’operazione la Polstrada ha pure recuperato oltre un chilo di droga, tra hashish e marjuiana, custodita in un borsone nascosto in un cespuglio vicino Cascina (PI), ai margini della S.G.C. Firenze-Pisa-Livorno. La droga, che piazzata sul mercato avrebbe fruttato circa 8.000 euro, è stata sequestrata dagli investigatori, che sono sulle tracce degli spacciatori.