Pasquinucci: “Da Epifani affermazioni gravi, impossibili da condividere”

0

VIAREGGIO – Dopo la notizia  della bocciatura dell’emendamento pro-carnevali, arriva immediata la replica del presidente della Fondazione, Stefano Pasquinucci: “a detta dell’ex segretario della CGIL e del PD Guglielmo Epifani il Carnevale in Italia non può considerarsi un momento di turismo od un valore culturale. Un’affermazione grave, impossibile da condividere, che nella riunione congiunta delle commissioni cultura e turismo del Senato di martedì 24 giugno, di fatto non ha permesso l’accoglimento dell’emendamento all’articolo 8 che portava ad incrementare il Fondo unico per lo spettacolo di 3 milioni per il 2014 e 5 milioni a partire dal 2015, al fine di favorire la tutela e lo sviluppo del Carnevale e delle attività e manifestazioni ad esso collegate. Le centinaia e centinaia di eventi che anno dopo anno, con passione ed entusiasmo, si svolgono in ogni angolo d’Italia sono, secondo Epifani, “esterne alla materia” cultura e turismo.
Non sono, quindi, come ho sempre creduto, un patrimonio comune fatto di storia, tradizione, memoria, attaccamento al territorio, valori condivisi e partecipazione. Non sono una straordinaria esplosione di creatività, estro, artigianalità e fantasia. Non sono, come dimostrano invece numeri eclatanti ed indotti milionari, opportunità di impiego e lavoro, momenti di forte attrazione turistica, strumenti di promozione internazionale delle tradizioni italiane e pubblicizzazione dell’Italia nel mondo. No sono, appunto, “esterni alla materia”, immateriali, impalpabili, impresentabili, insostenibili, ignorabili…. E’ questo ciò che pensa il Segretario nazionale del PD? E’ questo uno “scenario” che il Presidente della Regione Toscana condivide? Convocate con urgenza un incontro aperto a tutti i Carnevali d’Italia ed illustrateci il vostro punto di vista. Sarebbe, credo, un’occasione preziosa, costruttiva e positiva per aiutare questa nostra Italia a guardare con maggiore fiducia al futuro perché il Carnevale è una cosa seria ed importante, esterno forse al “sentire” di Epifani, ma interno al cuore di milioni di italiani”.

No comments

*