Pistola carica e tesserini falsi della Polizia, fermati in autostrada e arrestati

0

AREZZO – La Polstrada di Arezzo, sottosezione di Battifolle, ha proceduto all’arresto di due romani R.P . e T.M, fermati all’interno dell’area di servizio di Badia al Pino in autostrada del sole, trovati in possesso di arma clandestina e vari distintivi di riconoscimento riconducibili alle forze di polizia. I due romani, pluripregiudicati per vari reati, si trovavano a bordo di un’autovettura New Beetle munita di targa italiana e erano diretti verso sud.

fotoI soggetti venivano trovati in possesso di una pistola modello Pkk cal.7,65 di costruzione tedesca, non catalogata in Italia e pertanto senza numero di matricola e quindi tale considerarsi arma clandestina della quale e’ vietato anche il solo possesso. Visto che l’arma e’ risultata carica di 7 proiettili e pronta all’uso e’ scattato immediatamente l’arresto, oltre che per il possesso, anche per il suo porto abusivo in luogo pubblico.
Sono immediatamente scattati gli accertamenti necessari a verificare, oltre che la provenienza ed i motivi del possesso da parte dei due romani, se l’arma sia stata utilizzata nel corso di eventi criminosi pregressi, .commessi con uso di pistola.
I due arrestati venivano trovati in possesso anche di numeroso materiale (tesserini, placche, scudetti e pettorine) recanti segni distintivi di corpi di polizia tanto da far pensare che gli stessi se ne potessero essere serviti per commettere delitti spacciandosi per poliziotti traendo cosi’ in inganno le vittime. Inoltre, dopo una perquisizione dell’auto, sono stati rinvenuti attrezzi e chiavi alterate di autoveicoli di varie marche atte ad aprire le portiere di quelle auto che, prive di immobilizer (il moderno sistema che permette di riconoscere tramite un circuito elettronico la chiave genuina dell’auto senza la quale la stessa non si avvia), sarebbero state cosi’ facilmente rubate.
Gli arrestati dopo le attivita’ preliminari necessarie alla loro compiuta identificazione, sono stati associati al carcere a disposizione dell’autorita’ giudiziaria.

No comments

*