Ponziano Fabrizi lascia la Polstrada, ma non la tutela dei Poliziotti

0

MONTECATINI TERME – “Se i raggiunti limiti di età hanno impedito all’amico Ponziano di continuare ad indossare la divisa e garantire la Sicurezza sulla strada, la recente riforma  sul Sindacato di Polizia e, l’approvazione al suo interno di organi statuari diretti anche dal personale in quiescenza, hanno permesso a questo sindacato maggiormente rappresentativo a livello nazionale di far continuare il Sovrintendente Capo Fabrizi a militare la tutela dei poliziotti negli uffici periferici e ministeriali conferendogli un prestigioso incarico da Dirigente Sindacale”. E’ il segretario nazionale del Consap, Gianluca Pantaleoni, che parla: ” Il pensionamento suscita sempre emozioni contrastanti. Molti lo aspettano con serenità, altri invece temono che si sentiranno inutili. Ad ogni modo qualche parola di conforto dalle persone vicine è sempre apprezzata in questa fase della vita. Parole che incoraggiano, che incitano ad approfittare di ogni secondo libero a disposizione e a godersi appieno la vita ormai priva di obblighi professionali. Ma Ponziano si distingue anche senza un mero interesse personale vuole continuare ad essere presente tra i suoi “ragazzi”. Non ci sono parole per descrivere la vita dedicata alla Polizia da parte di Ponziano e mi esprimo anche personalmente poiché ha condiviso le sue tante pattuglie proprio con il padre di quel bambino che è diventato il suo Segretario Nazionale. Il riconoscimento del prestigioso incarico promosso anche dalla Segreteria Regionale Toscana e dalla Segreteria di Pistoia arriva non solo come un riconoscimento dovuto ma come una richiesta di collaborazione attiva da chi veramente ha dato alla Polizia di Stato ed ai colleghi e non riesce a togliere. I colleghi tutti hanno voluto festeggiare intorno a lui la meritata pensione, una targa sul dolce a raffigurare i 41 anni prestati sempre di pattuglia sull’autostrada Firenze Mare, in un solo taglio della torta tanta storia nell’anima tutti quegli anni di terrorismo, i colleghi uccisi, i migliori arresti, gli incidenti rilevati le prestazioni di soccorso le tantissime persone salvate. Ti ho conosciuto da bambino con quel sorriso che per anni ha dato la forza a tanti colleghi di esorcizzare anche i malesseri della Polizia di Stato e nemmeno l’emozione del tuo ultimo giorno  è riuscito a strappartelo di dosso”.

 

.

No comments

*