Prato sotto controllo: polizia impegnata H24 sul territorio

0

PRATO – Polizia impegnata dalla prime luci dell’alba a sera inoltrata, a Prato.

Ieri mattina,  oòpersonale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, in esito ad attente verifiche in banca dati interforze sulle acquisite generalità di un ventottenne marocchino, sottoposto a controllo nella stazione di Porta al Serraglio nella serata della precedente giornata da un equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze e già denunciato in stato di libertà per il reato di ingresso e soggiorno illegale nello Stato Italiano, appurava che lo stesso straniero fosse destinatario di un Ordine di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Firenze, dovendo il medesimo scontare una pena detentiva definitiva di 5 mesi e 28 giorni di reclusione per un episodio di concorso in ricettazione, commesso dal reo a Firenze nel giugno del 2007. Si determinava pertanto il definitivo arresto del ventottenne marocchino in esecuzione del citato ordine di cattura, con sua contestuale traduzione presso la locale Casa Circondariale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Nel pomeriggio, alle 13.45 circa, un equipaggio delle Volanti effettuava il controllo di un campo agricolo sito in località Capezzana, dove si segnalava la possibile presenza di alcune piccole piante di marijuana. Sul posto gli Operatori della Polizia di Stato identificavano un quarantanovenne italiano, in quel momento in compagnia di uno straniero, questo un ventottenne albanese regolarmente soggiornante sul T.N.,  entrambi soggetti con precedenti di polizia, rinvenendo e sequestrando in loco 11 piantine di marijuana, determinandosi pertanto la conduzione di entrambi i pregiudicati in Questura, dove sono stati denunciati in stato di libertà per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Poco dopo, alle ore 16.30, gli  equipaggi delle Volanti sono stati celermente inviati in via Valentini, alla sua intersezione con via Tacca, per segnalazione di rapina appena verificatasi in strada in danno di un ottantottenne anziano pratese, deambulante solo grazie a un bastone che, dopo aver effettuato un prelievo a un vicino bancomat, era stato sospinto a terra da un individuo il quale poi gli strappava dalla tasca il denaro appena prelevato, fuggendo in direzione di via Frà Bartolomeo. La scena, tuttavia, era stata notata da un italiano che, richiesto l’intervento delle Volanti, riusciva a seguire con discrezione il rapinatore fino ad una corte abitativa posta nella vicina via Frà Bartolomeo, ove insiste su un edificio disabitato, dove si concentravano poco dopo le ricerche del fuggitivo da parte degli Operatori della Polizia di Stato, i quali riuscivano a rintracciarlo all’interno di un ripostiglio abbandonato di un giardino, nascendone una furiosa colluttazione, durante la quale il rapinatore sferrava calci e pugni all’indirizzo degli Agenti per cercare di guadagnare nuovamente l’impunità, con uno di essi che successivamente è stato costretto a ricorrere a cure mediche per le contusioni patite nell’occorso, con prognosi di 5 giorni di guarigione. Definitivamente bloccato e messo in sicurezza, veniva trovato in possesso, nascosti all’interno di una delle sue scarpe, dei 1.190 euro appena rapinati all’anziano, quindi identificato per un trentaduenne rumeno in Italia s.f.d., pluripregiudicato per svariati reati, anche specifici, quindi riconosciuto senza dubbio alcuno dall’anziano come colui che lo aveva appena rapinato in via Valentini, per essere quindi definitivamente condotto in Questura e tratto in arresto nella flagranza dei reati di rapina impropria aggravata, violenza, resistenza e lesioni a P.U. nonché danneggiamento aggravato di una paletta segnaletica della Polizia di Stato, andata distrutta durante le concitate fasi del fermo del rumeno.

Successivamente, alle  17.30 circa,  il personale delle Volanti, nel corso di attività di controllo compiuta in centro storico, procedeva all’identificazione in piazza Sant’Elisabetta di alcune persone sospette una delle quali, generalizzata per un ventottenne aretino, pregiudicato per reati di varia natura, veniva trovato in possesso di un pericoloso coltello a serramanico con lama da 5 cm., immediatamente sequestrato dagli Operatori della Polizia di Stato che hanno pertanto provveduto a denunciare in stato di libertà il ventottenne per il reato di possesso ingiustificato di oggetto atto all’offesa.

Nella decorsa notte, erano quasi le 5 del mattino. il personale delle Volanti, nel corso di attività di prevenzione e controllo effettuata nella c.d. chinatown pratese, procedeva in via Luti all’identificazione di un orientale sospetto in strada che, generalizzato per un venticinquenne cinese residente in provincia di Firenze, veniva trovato in possesso di due bustine di cellophane contenenti sostanza stupefacente di tipo ketamina, pari a complessivi 4,40 grammi, della quale ammetteva l’uso personale, immediatamente sequestrata dagli Operatori della Polizia di Stato, che hanno provveduto a segnalare il venticinquenne alla locale Prefettura quale assuntore di droghe.

No comments

*