Prende a pugni un carabiniere, arrestato

0

FIRENZE – Nel tardo pomeriggio di ieri, i carabinieri impegnati nel servizio di vigilanza al Parco delle Cascine sono intervenuti nei pressi della fermata della tramvia “Cascine” poiché avevano notato un’unità cinofila della polizia che stava controllando un cittadino straniero in forte stato di agitazione. I due agenti della polizia si trovavano alle Cascine impegnati in un normale servizio di controllo, quando l’unità cinofila antidroga ha segnalato un giovane che stava transitando vicino a loro. Sin dalle prime fasi del controllo, il fermato, un 19enne originario della Guinea, si è dimostrato aggressivo e insofferente, cercando più volte di allontanarsi. A nulla sono valsi gli avvertimenti dei carabinieri che lo invitavano a rimanere fermo e calmo, tanto che il ragazzo, per guadagnarsi la fuga ed evitare il controllo si scagliava con violenza contro i militari riuscendo a colpirne uno al volto con un pugno. A quel punto, con non poca fatica, i militari riuscivano a bloccarlo e dopo averlo fatto salire sul mezzo di servizio lo conducevano presso la Caserma di Borgo Ognissanti, dichiarandolo in arresto per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Prima che il ragazzo fosse portato via veniva accertato che poco prima di essere fermato dal cane antidroga si era disfatto di un paio di involucri contenenti qualche dose di hashish e marijuana (reato per il quale hanno proceduto i colleghi della polizia). Anche all’interno degli uffici il ragazzo ha continuato a mantenere un atteggiamento violento nei confronti dei carabinieri che lo stavano controllando, scagliandosi nuovamente verso uno di loro procurandogli lesioni.

Per quanto riguarda il carabiniere colpito al volto con un pugno, visitato al pronto soccorso dell’ospedale di Santa Maria Nuova, ha ricevuto 6 giorni di prognosi, mentre l’altro militare aggredito in Caserma 7 giorni.

L’extracomunitario, già in precedenza tratto in arresto per reati contro il patrimonio e episodi di resistenza nei confronti delle forze dell’ordine, proprio per il comportamento fortemente alterato e violento, su disposizione del Pubblico Ministero di turno è stato associato al carcere di Sollicciano.

 

No comments

*