Rapina un’anziana, la strattona e la sbatte a terra: preso

0

PRATO – Rapina in danno di una anziana ad opera di un individuo che, dopo averla strattonata e sospinta violentemente a terra, si era appropriato della borsa della sessantasettenne pratese, contenente anche la somma di 350 euro in contanti, poi fuggendo a bordo di uno scooter in direzione Galciana. Tutta la scena era stata notava da una cinquantunenne conoscente dell’anziana, che decideva di salire immediatamente sulla propria auto cercando di inseguire il rapinatore dell’amica, cosa che le riusciva quando, ormai quasi in via Pistoiese, nei pressi di una pista ciclabile, la cinquantunenne pratese raggiungeva l’uomo che, vistosi tallonato da un’auto, abbandonava la borsa a terra, proseguendo la fuga sul suo scooter. Mentre la pretese recuperava la borsa il malfattore, avvedutosi che il suo inseguitore era in realtà una donna, tornava immediatamente sui suoi passi, aprendo l’auto della sessantunenne, afferrandola per il polso e strattonandola, per poi riappropriarsi della borsa, dandosi a definitiva fuga, facendo perdere le proprie tracce. Nel frattempo la Volante, finalmente contattata dalla sessantunenne, apprendeva in maniera più precisa i particolari della complessa vicenda, rintracciandosi anche la settantasettenne vittima dell’originaria rapina in via Montagnola, la quale confermava il racconto dell’amica, aggiungendo di non necessitare di assistenza sanitaria dall’occorso, a differenza della più giovane coraggiosa conoscente, che veniva medicata presso il locale Ospedale per la distorsione del polso subita, con prognosi di 5 giorni di guarigione. Gli Agenti, in base alla preziosa testimonianza delle due donne, riuscivano a ipotizzare che il rapinatore potesse trattarsi di un noto pluripregiudicato quarantanovenne italiano, residente a Prato in zona San Paolo, resosi autore nel tempo di numerosissimi reati di specie, più volte condannato e attualmente in regime di sorveglianza speciale con obbligo di dimora, provvedendo pertanto a cercare di rintracciarlo presso la sua abitazione,  inizialmente senza successo, constatandone l’assenza. Tuttavia, effettuato un lungo e discreto appostamento in zona, gli Operatori riuscivano a bloccarlo mentre si accingeva finalmente a rincasare, trovandolo ancora in possesso dello scooter segnalato come utilizzato dal rapinatore. Compiutamente identificato per il noto quarantanovenne pluripregiudicato, peraltro riconosciuto autore, nella seconda metà del 2013, di una efferata serie di rapine e scippi commessi nella zona del sottopasso pedonale di Chiesanuova, poi finalmente arrestato in flagranza il 2 dicembre 2013 dalle Volanti che mettevano momentaneamente fine alla sua attività criminale, è stato ieri pomeriggio condotto in Questura, dove è stato riconosciuto senza dubbio alcuno dalle due pratesi quale il protagonista della comune vicenda patita, venendo peraltro sequestratogli sia lo scooter utilizzato che i 500 euro di cui era in possesso, sicuro provento di recenti reati di specie, tra i quali emergeva sicuramente anche uno scippo compiuto il 31 novembre scorso in centro storico in danno di una anziana francese, determinandosi pertanto il suo definitivo arresto per il reato di rapina aggravata, in attesa del rito direttissimo odierno.

No comments

*