Ricercato per tentato omicidio e fermato a Lucca: aveva cercato di strozzare la compagna

0

Nel primo pomeriggio di ieri una pattuglia della Squadra Volante ha fermato per un normale controllo un giovane che si aggirava nei pressi di Porta Santa Maria.

Privo di documenti, il giovane ha fornito le sue generalità, riferendo di trovarsi a Lucca senza alcuna meta e di provenire da Roma.
L’atteggiamento tenuto dall’uomo ha però  insospettito i poliziotti e li ha  indotti ad effettuare ulteriori accertamenti, anche perchè è apparso strano che l’uomo andasse in giro senza soldi e documenti, perciò è stato accompagnato in questura e sottoposto a rilievi fotodattiloscopici per verificare l’identità.

Dal controllo di polizia è emerso che la  Questura di Roma aveva diramato una nota di ricerche in cui si avvisava che in caso di rintraccio la persona doveva essere trattenuta per ulteriori provvedimenti poiché sospettata del tentato omicidio di una giovane donna.

Avviati immediatamente i contatti con la Questura di Roma è poi emerso che la persona sottoposta al controllo,  lo scorso 6 giugno aveva  tentato di strozzare la sua compagna, colpendo la donna con diversi pugni in faccia, tanto da procurarle la rottura delle ossa nasali. Solo l’intervento di una vicina di casa ha impedito l’omicidio,  e costretto il carnefice a darsi alla fuga. Un intervento provvedenziale, che sicuramente ha salvato la vita alla malcapitata.

Il personale del Commissariato di Polizia di “Porta Pia” aveva  trasmesso tutti gli atti alla Procura della Repubblica di Roma e, mentre C.F., romano dell’84,  dopo il controllo è stato  trattenuto in questura a Lucca,  fino a quando il Sostituto Procuratore della Repubblica di Roma, sulla scorta dei gravi e concordanti indizi di colpevolezza,  ha disposto un Fermo di Indiziato di delitto che è già stato notificato al fermato dagli agenti della Squadra Volante.

Del tutto veniva informato il Pm di turno della Procura della Repubblica di Lucca e il fermato è stato portato in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria.

No comments