Rolling Stones, esposto in Procura: il Codacons chiede il sequestro dell’incasso del concerto

1

LUCCA – Un esposto in Procura e la richiesta del sequestro dell’incasso del concerto dei Rolling Stones, a garanzia di eventuali azioni di risarcimento da parte di spettatori delusi.  Lo ha annunciato il Codacons, che sta studiando una azione collettiva per conto di tutti gli spettatori che hanno avuto problemi di visibilità del palco a causa della presenza di strutture varie che oscuravano la visuale a chi ha pagato biglietti del prato B.  “A chi ha protestato perché dal prato non ha visto bene il concerto faccio presente che sul prato si pagava il biglietto più basso – replica Mimmo D’Alessandro: “Bastava comprarne uno diverso per assicurarsi una visuale migliore”. “E’ una dimostrazione scandalosa di arroganza e un boomerang per la D’Alessandro e Galli – ribatte il Codacons –, perché dal punto di vista legale e contrattuale la vendita di un servizio prevede una prestazione completa che, se non viene fornita, rende possibile la risoluzione del contratto per inadempimento. Invece di chiedere scusa per gli errori e per gli innegabili disagi causati, si accusano gli spettatori di essere andati “al risparmio”, e chi li difende di cercare facile visibilità”.

1 comment

  1. Maurizio 25 settembre, 2017 at 22:27 Rispondi

    Non era assolutamente diverso da altri 1000000 concerti se arrivi alle 17/18 e vuoi vedere come chi è lì dalle 13… quindi vedo assurda questa cosa… anche perché ho assistito a cose molto molto molto peggio
    Io posso solo fare un applauso a tutta l’organizzazione

Post a new comment

*