Rotatoria di Porta Elisa: approvato il Progetto Definitivo. Lavori appaltati entro fine mese

0

LUCCA -La nuova rotatoria di Porta Elisa si appresta a divenire realtà. La Giunta ha approvato il progetto definitivo di questa importante opera che non solo migliorerà le condizioni del traffico verso il nuovo Ospedale S.Luca, ma permetterà di garantire una maggior sicurezza per automobilisti e pedoni. Seguiranno ora i passaggi necessari per l’affidamento dei lavori che saranno appaltati entro fine mese. Il dettaglio del progetto è stato presentato questa mattina a Palazzo Orsetti dall’assessore alla Mobilità Francesca Pierotti, dall’assessore alla Sicurezza Stradale Celestino Marchini, da Andrea Biggi e da Mario Degl’Innocenti dell’Ufficio Strade del Comune di Lucca e dai progettisti Marsilio Pianigiani e Livio Pardini. Serviranno 400 mila euro finanziati dalla Regione Toscana per dismettere definitivamente un complesso sistema semaforico, un “macro nodo” si potrebbe definire, che fa di questo luogo uno degli incroci più congestionati della circonvallazione, con lunghi tempi di attesa per i veicoli in transito. Nell’area di Piazzale Don Aldo Mei confluiscono ben cinque arterie stradali: ramo in uscita da Porta Elisa (lato Ovest), Viale Pacini (circonvallazione lato Sud), Viale Cadorna (lato Est), Viale Marconi (circonvallazione lato Nord) e Viale Castracani, gestite da impianti semaforici tra loro sincronizzati. La nuova rotonda, in sostituzione dei semafori, andrà quindi notevolmente a migliorare la fluidità del traffico e della sicurezza stradale. Di fronte a Porta Elisa sarà quindi realizzata un’isola centrale di forma poli-ellittica (estremi: 46,70 m x 42,70 m). In corrispondenza della confluenza tra Viale Marconi e Viale Castracani è prevista la realizzazione di una semi-rotatoria di forma irregolare allungata di 60 metri di lunghezza. I cordonati per l’isola spartitraffico sul ramo “Porta Elisa” saranno di pietra arenaria mentre per le isole spartitraffico sui rami della circonvallazione sarà utilizzato calcestruzzo. Sarà poi adeguata e integrata la segnaletica, sia verticale che orizzontale, anche con passaggi pedonali e ciclabili. “Il nuovo sistema di intersezioni – spiega l’assessore alla mobilità Francesca Pierotti  – renderà più scorrevole la circolazione riducendo al minimo i fenomeni di “stop and go” e producendo una diminuzione sulle code veicolari, con minori possibilità di saturazione del traffico. Tutto a vantaggio di una riduzione delle emissioni dei gas di scarico e dell’inquinamento acustico”. “L’incrocio – aggiunge l’assessore alla Sicurezza Stradale Celestino Marchini –  sarà più sicuro poiché grazia alla rotatoria si diminuiscono i punti di conflitto tra le traiettorie dei veicoli in transito e si incentiva la diminuzione della velocità in prossimità delle intersezioni stradali rispetto agli incroci con semaforo”. La particolare forma della rotatoria principale è stata scelta per mantenere inalterato il maggior numero di alberature presenti. Quattro piante saranno lasciate esattamente dove sono e una sarà spostata. La sesta, l’abete, potrebbe essere tolto e non trapiantato altrove perché presenta un sistema radicale estremamente superficiale e le operazioni danneggerebbero le radici: ulteriori approfondimenti per salvare l’albero però saranno poi effettuati al momento dell’apertura del canti

No comments

*