Santa Barbara, i Vigili del Fuoco celebrano il patrono

0

FIRENZE – Presso la sede centrale dei vigili del fuoco di Firenze, in via la Farina, si sono svolte le celebrazioni della patrona Santa Barbara.
Dopo la deposizione di una corona alla lapide che ricorda il sacrificio del vice comandante Augusto Baldesi, deceduto nel 1920 durante le operazioni di spegnimento di una polveriera nel quartiere di San Gervasio, e con lui quello di tutti i vigili del fuoco deceduti in servizio, da parte del Prefetto di Firenze dott. Alessio Giuffrida e del comandante ing. Roberto Lupica, è stata celebrata la Santa Messa officiata dal Cardinale di Firenze S.E. Giuseppe Betori. Nella sua omelia, il cardinale, prendendo spunto dalle Sacre Scritture, contestualizzate al momento attuale, ha fatto riferimento al lavoro dei vigili del fuoco e della conseguente sicurezza sui luoghi di lavoro, prendendo ad esempio il martirio di Santa Barbara che proprio per le sue opere buone riuscì a scampare alla furia del fuoco.
Al termine della celebrazione è stata letta la “Preghiera del Vigile del Fuoco”.
Dopo la lettura dei messaggi augurali fatti pervenire dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dal Ministro dell’Interno Angiolino Alfano e dal Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Gioacchino Giomi, ha preso la parola il comandante di Firenze ing. Roberto Lupica.
Dopo i ringraziamenti al Cardinale ed a tutte le autorità civili e militari intervenute, ha tracciato un quadro dell’attività portata avanti dal comando provinciale di Firenze a partire dagli oltre 13000 interventi effettuati nel 2015 e che hanno confermato il trend incrementale riscontrato negli ultimi 5 anni. Se da un lato il numero degli interventi per incendi è costante, dall’altro si è riscontrato un numero di soccorsi a persona praticamente raddoppiato rispetto al 2011. A seguito delle avverse condizioni atmosferiche che colpirono la Toscana nello scorso marzo, i vigili del fuoco di Firenze hanno effettuato quasi 1000 interventi anche fuori dell’ambito provinciale. Ad agosto invece, sempre per il maltempo gli interventi furono 870 e richiesero l’intervento in supporto da parte di personale di altri comandi della regione e da altre parti d’Italia. Gli interventi dei vigili del fuoco sono caratterizzati dalla necessità di essere rapidi e professionalmente elevati, esponendo il personale ad un grosso stress fisico e psicologico. Costante è stata l’attività del comando nell’ambito della Polizia Giudiziaria e del Fire Investigation in stretta collaborazione con la Procura della Repubblica. La Prevenzione Incendi vede un’attività di semplificazione procedurale in favore delle imprese che però non diminuisce il livello di sicurezza previsto. Nel campo della formazione le attività messe in campo hanno permesso la formazione verso l’esterno di 500 unità per le squadre aziendali e di 150 unità verso l’interno nei vari campi di specializzazioni ed alte professionalità. I vigili del fuoco sono stati impegnati in oltre 30000 ore di vigilanza nei locali di pubblico spettacolo e diverse migliaia per attività di presidio antincendio oltre al normale orario di lavoro. Pensando al futuro, in collaborazione con la sezione di Firenze dell’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco, è stata effettuata un’intensa attività rivolta ai bambini ed ai ragazzi.
L’organico del Comando di Firenze risulta essere in linea con gli altri comandi d’Italia, ma la conformazione del territorio richiede una maggiore attenzione verso alcune zone come il Mugello, per il quale sono in atto contatti con il Comune di Barberino del Mugello per un potenziamento specifico. Il Comandante ha concluso affermando che li lavoro dei vigili del fuoco è un lavoro di sacrificio portato avanti da professionisti che operano in silenzio con la massima disponibilità e dedizione, e che, non essendo avvezzi agli elogi non li richiedono pur meritandoli ampiamente. Un grosso ringraziamento è stato rivolto ai familiari dei vigili del fuoco che li sostengono e li supportano.
La cerimonia si è  conclusa con la consegna degli attestati di servizio consegnati dal Prefetto di Firenze dott. Alessio Giuffrida, dal direttore regionale ing. Gregorio Agresta e dal comandante provinciale ing. Roberto Lupica.

No comments

*