Scandalo latte in polvere, liberi anche i due primari

0

PISA – Revocata la misura cautelare anche per i due primari degli ospedali di La Spezia ed Empoli, Stefano Parmigiani, residente a Parma e Roberto Bernardini, residente a Calcinaia, finiti agli arresti domiciliari per l’inchiesta sul latte in polvere condotta dal Nas di Livorno e dalla procura di Pisa. Il gip ha accolto il ricorso presentato dai loro legali. Liberi anche il dirigente della casa farmaceutica Dmf, Michele Masini, Giuliano Biagi, 35 anni, di Massa, agente della Humana Italia al quale pero’ il giudice per le indagini preliminari ha ordinato la misura dell’obbligo di dimora nel comune di residenza. Ancora nessuna novita’ per l’informatore scientifico Vincenzo Ruotolo, ma il gip Guido Bufardeci potrebbe pronunciarsi in giornata. Respinta invece l’istanza di revoca presentata dalla difesa di Gianni Panessa, agente della Mellin, per il quale il giudice ha ravvisato ancora esigenze cautelare. Il suo legale, l’avvocatessa Chiara Bonaguidi, ha fatto ricorso al tribunale del riesame. Dei 18 finiti ai domiciliari, solo due sono ancora sotto misura cautelare.

No comments

*