Scuole belle, in Sant’Agostino il liceo musicale Passaglia

0

LUCCA – Il liceo musicale dell’istituto artistico “Passaglia” avrà la sua nuova sede nel complesso del S. Agostino nel centro storico di Lucca già a partire dal prossimo anno scolastico 2016-2017. La ditta che si è aggiudicata l’appalto per il restauro e il recupero funzionale, infatti, si è impegnata con la Provincia di Lucca (ente affidatario dell’immobile concesso dal Demanio dello Stato) a concludere i lavori entro la fine della prossima estate.

L’intervento di recupero dell’antico convento è stato presentato oggi (mercoledì 23 dicembre) nell’auditorium S. Nicolao dell’istituto scolastico dal presidente della Provincia Luca Menesini, del consigliere con delega alle scuole Mario Puppa, dall’arch. Francesca Lazzari responsabile del servizio edilizia scolastica e dall’arch. Fabrizio Mechini dell’amministrazione provinciale, alla presenza della dirigente scolastica dell’istituto Maria Pia Mencacci e di alcuni studenti.
Ad aggiudicarsi la gara indetta dalla Provincia è stata la A.T.I. costituita fra tre ditte lucchesi Impresa Ing. Michele Bianchi, Angelo Impianti e Tecnoservice srl che ha vinto l’appalto grazie ad un’offerta tecnica molto articolata che prevede, tra l’altro, anche numerose migliorie rispetto al progetto messo a gara che riguarda circa 1200 mq. di superficie complessiva; una proposta progettuale che l’ATI stessa ha caratterizzato intitolandola La fabbrica dei musicisti.

I restauri. La Provincia, partendo da un progetto e dalle analisi a suo tempo elaborate dalla Soprintendenza BAPSAE di Lucca e Massa Carrara per ospitare i propri uffici, ha progettato d’intesa con la stessa un progetto che prevede un quadro economico di 1 milione e 500mila euro; risorse in gran parte provenienti da stanziamenti statali (700mila euro), per 720mila euro dal contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e per la parte residua da fondi diretti della Provincia (80mila euro).
Le migliorie proposte dalla ditta riguardano, nel dettaglio: l’incremento degli accorgimenti per l’efficienza energetica dell’edificio con ulteriori elementi di coibentazione a parete e soffitto; il completamento dell’impianto di riscaldamento con elementi radianti a pavimento, e la coibentazione acustica in modo da ridurre l’impatto acustico sull’ambiente esterno. A questi interventi si aggiungerà anche il miglioramento della prestazione acustica, del confort e ricezione acustica negli ambienti anche per mezzo dell’inserimento di elementi fonoassorbenti a parete e soffitto, pavimenti in legno e tende oltre ad arredi e allestimenti interni.
Trattandosi di un liceo musicale, particolare attenzione è stata riservata proprio all’aspetto acustico che sarà curato dal prestigioso studio tedesco di Monaco di Baviera, Gerhard Müller, specializzato in ingegneria sonora e che ha collaborato, tra l’altro, alla realizzazione dell’auditorium del Parco della Musica di Roma progettato da Renzo Piano.
Gli spazi per il liceo musicale: alla fine dei lavori saranno a disposizione nel S. Agostino per studenti e docenti una sala musica d’insieme di 100 mq; una sala riunioni dei professori di 24 mq, un’aula di tecnologie sonore di 40 mq, 5 aule per la didattica tra i 36 e i 50 mq di superficie e ben 9 aule per gli strumenti di grandezza compresa tra i 9 e i 26 mq. A questi si aggiungono anche 2 ampi spazi al piano terra (54 e 58 mq con soffitti alti) per le prove di strumento, mentre negli ampi corridoi dell’antico immobile saranno ricavati locali per i docenti e spazi per incontri con i genitori e per la sosta. Completano il quadro dei lavori di restauro funzionale e adeguamento del vecchio edificio alcuni interventi riguardanti la sicurezza con l’installazione di impianti antintrusione e videosorveglianza nonché la segnaletica di emergenza per le via di fuga, e l’allestimento degli arredi per le aule di strumento e la sala musica.

Per cercare di rendere le proposte progettuali più rispondenti possibili alle esigenze della didattica musicale del Passaglia, la Provincia attiverà a breve un confronto-collaborazione tra progettisti, tecnici dell’impresa affidataria, docenti ed alcuni rappresentanti degli studenti che valuteranno nel dettaglio le proposte progettuali apportando il proprio contributo al fine di rendere l’intervento il più allineato possibile alle specifiche esigenze degli alunni del liceo musicale attualmente ospitato nei locali di via della Corticella. Sarà infatti costituito un Comitato Tecnico che si riunirà periodicamente per concertare decisioni in merito agli allestimenti interni e monitorerà l’andamento dei lavori in modo da mantenere vivo e costante il contatto fra le attività di cantiere e la scuola.

Particolarmente soddisfatto il presidente della Provincia Luca Menesini il quale sottolinea «come il S. Agostino rappresenti uno degli interventi di recupero più importanti e anche più attesi, anche perché risponde a specifiche esigenze di nuovi spazi di una scuola in espansione».

«La cultura è motore trainante per la provincia di Lucca – dichiara Menesini –. E’ fondamentale, quindi, che i nostri talenti e i nostri artisti abbiano luoghi adeguati dove realizzare occasioni di aggregazione e di riflessione utili a fornire prospettive innovative alla comunità. L’operazione Sant’Agostino, quindi, non rappresenta soltanto un luogo privilegiato per la didattica musicale, bensì un’opportunità più ampia e di maggior respiro, nell’ottica di dare ancora più slancio all’attività culturale della Lucchesia e dell’intera provincia. Una scuola, infatti, ed in particolare un liceo musicale come il Sant’Agostino, non costituisce solo uno spazio per la formazione e la crescita dei nostri giovani. La scuola oggi più che mai è uno spazio aperto, dove accanto alla formazione professionale ed umana, si realizza e si rafforza l’identità valoriale e l’espressione artistica di un territorio”.

La storia recente del complesso. L’ex monastero di S. Agostino, le cui origini risalgono al 1300, occupava fino a qualche anno fa la sede delle Acli e poi dell’Enaip e una porzione al piano terra intorno al chiostro era occupata da un esercizio pubblico, poi chiuso. Attualmente nell’edificio trovano posto l’Archivio della biblioteca governativa e alcuni locali adibiti a magazzino della Prefettura.

No comments

*