Sequestrate due aziende, il blitz in diretta su Tg2

0

PRATO – Questa mattina, con inizio alle ore 10.00 circa, la “Squadra Interforze” ha effettuato un nuovo Servizio Straordinario in ambito cittadino, avente a oggetto due ditte di confezioni gestite da cittadini cinesi, poste nel quartiere pratese di San Paolo.

Complessivamente sono stati identificati 12 cittadini cinesi, di cui 8, apparsi essere verosimilmente clandestini, sono stati pertanto condotti in Questura per i necessari approfondimenti di specie, ancora in corso.

Gli ambienti ospitanti le attività produttive, in precarie condizioni igienico sanitarie, presentavano tipici abusi edilizi mediante il complessivo allestimento, in legno e cartongesso, di 13 angusti piccoli ambienti dormitorio, pericolosamente costruiti anche su soppalchi, cosa che ha determinato il sequestro penale preventivo dell’intero grande immobile ospitante le ditte, motivato dall’evidente abusivo cambio di destinazione dei locali da produttivo ad abitativo, con contestuale sequestro amministrativo di un totale di 24 macchinari professionali da lavoro ivi allestiti. Estromesse anche 3 bombole di gas per uso domestico, utilizzate dagli orientali senza le dovute accortezze di sicurezza.

Il quarantaduenne titolare cinese della confezione ove erano stati identificati i cinesi irregolari sarà pertanto denunciato in stato di libertà per il reato di favoreggiamento alla permanenza di clandestini nello Stato Italiano nonché, unitamente al titolare della seconda ditta controllata, assente al controllo e al momento in fase di individuazione, per reati in materia di abusivismo edilizio sugli immobili ospitanti le attività produttive.

Specifiche attività di controllo sono state naturalmente compiute da tutti i qualificati enti partecipanti al servizio, ciascuno per gli aspetti di propria specifica competenza, che produrranno risultati sanzionatori solo in un momento successivo.

Presente al servizio anche una troupe televisiva del TG2 nazionale, che ha effettuato un reportage giornalistico sull’attività interforze.

No comments

*