Sesso in cambio di carriera: avance alla vigilessa, condannato il comandante

LUCCA – Condanna dell’ex Comandante Pm: il Comune attende di conoscere il dispositivo della sentenza per assumere gli atti conseguenti

A seguito della sentenza di condanna dell’ex comandante della Polizia Municipale Stefano Carmignani, l’amministrazione comunale si è immediatamente attivata per richiedere al Tribunale la trasmissione del dispositivo della sentenza, in modo da poter valutare con tutti gli elementi utili a disposizione gli atti conseguenti da assumere nei confronti di Carmignani stesso.

Il comandante della Polizia Municipale lucchese è stato condannato a due anni e 4 mesi, accusato di aver fatto avance ad una vigilessa, spingendola ad avere un rapporto sessuale in cambio di un avanzamento di carriera e di aver poi sostenuto, interrogato dal pm, che fosse stata invece l’agente a provocarlo perché mirava ad una promozione. Difeso dall’avvocato Enrico Marzaduri, Carmignani è stato anche condannato con l’interdizione dai pubblici uffici, oltre al pagamento di una provvisionale di 10mila euro più le spese processuali.
L’indagine è sta condotta dal procuratore Pietro Suchan e dal sostituto Piero Capizzoto