Sfugge al controllo, inseguito per oltre 15 chilometri e preso

0

PRATO – Pomeriggio da film, ieri a Prato: 17.45, gli equipaggi delle volanti, al termine di un rocambolesco inseguimento effettuato per circa 15 minuti e per oltre 15 chilometri per le strade cittadine nei confronti di un’autovettura sfuggita al controllo di polizia, hanno arrestato  in flagranza di reato un ventiquattrenne pregiudicato marocchino, regolare in Italia con permesso di soggiorno, ritenuto responsabile dei reati di  resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, porto abusivo di oggetti atti allo scasso e ricettazione.

La  pantera, nell’ambito dell’attività di prevenzione e repressione dei reati sul territorio appositamente predisposta dal Questore di Prato Filippo Cerulo, perlustrando l’area adiacente al centro commerciale “Parco Prato” di via delle Pleiadi e recentemente oggetto di vari furti e scippi ai danni di avventori, e per questo specificatamente attenzionata, intercettava un’auto sospetta tipo Alfa Romeo il cui conducente, notata la pattuglia e alla vista della paletta  segnaletica che ne intimava il fermo,  iniziava la fuga nonostante le condizioni di intenso traffico urbano, immettendosi ad alta velocità lungo la tangenziale di Via S. Allende. Ne scaturiva un frenetico e rocambolesco inseguimento con la volante che tallonava l’auto il cui conducente non lesinava di mettere in serio pericolo altri automobilisti che incrociava durante la pazzesca ed assurda fuga a velocità  per certi tratti anche superiore a 120 km/h. Dopo circa 15 minuti di inseguimento  l’azione coordinata e professionale degli agenti delle volanti, riusciva a chiudere a tenaglia l’auto del fuggitivo che veniva bloccata, senza ulteriori e più drammatiche conseguenze per l’incolumità pubblica. Vistosi bloccato il predetto cercava un ultimo e disperato tentativo di fuga a piedi uscendo dal lato passeggero dell’auto (rimasta chiusa tra due volanti) ma veniva  bloccato dagli agenti di polizia nonostante la violenta resistenza posta dallo stesso in essere che  procurava a due operatori delle volanti lievi ferite comunque refertate con  7 giorni di prognosi. L’immediata perquisizione personale estesa al mezzo del fermato ha consentito di rinvenire, nascosto nella biancheria intima del soggetto, una collana di argento con  brillanti di cui il fermato non era di giustificarne i possesso oltre a  due scatole vuote di monili con loghi in lingua cinese e all’interno dell’autovettura,  un martello, cacciaviti ed una tenaglia, tutto debitamente sequestrato. Accompagnato definitivamente in Questura per i conseguenti adempimenti, il fermato, che peraltro annovera numerosi pregiudizi di polizia e precedenti penali in tema di spaccio di stupefacenti, porto di armi ed oggetti atti ad offendere nonché  recentemente già arrestato  per evasione dagli arresti domiciliari, è stato tratto in arresto e messo a disposizione della competente Autorità Giudiziaria per il rito per direttissima che verrà celebrato dell’odierna giornata.

No comments

*

Spaccio, in due in manette

PONTEDERA – Il personale della Sezione Anticrimine e della Sezione Volanti di questo Commissariato, ha tratto in arresto R. M. 34enne, O. M. 36enne e ...