Si è spento nella notte Guelfo Marcucci

1

LUCCA – Si è spento questa notte, all’età di 87 anni, Guelfo Marcucci. La morte nella sua tenuta al Cioccio, a Castelvecchio Pascoli. Il noto imprenditore farmaceutico, la cui industria era specializzata nella lavorazione degli emoderivati, lascia la moglie Iole Capannacci e i figli Marialina, Andrea e Paolo. Cordoglio in tutta la lucchesia.

“A nome mio e di tutta l’Amministrazione porgo le più sentite condoglianze alla famiglia Marcucci per la scomparsa di Guelfo, personaggio di riferimento per l’imprenditoria lucchese e uomo che ci mancherà per la sua umanità. In questo momento di dolore siamo vicini siamo vicini a tutta la famiglia e a tutti i cari del compianto”, il messaggio che il Sindaco Del Dotto ha voluto condividere con l’Amministrazione comunale di Camaiore.

“Una persona attenta, capace, legata in modo indissolubile alla propria terra e alla propria comunità”. Così il consigliere regionale Stefano Baccelli descrive Guelfo Marcucci nel giorno della sua scomparsa, esprimendo tutta la propria vicinanza alla famiglia per una perdita così grande. “La Valle del Serchio e l’intera provincia di Lucca – dice – perdono uno storico punto di riferimento. Raramente una persona, seppur nell’arco di un’intera vita, riesce ad incidere così profondamente nello sviluppo di un territorio. Voglio ricordare non solo il suo straordinario ruolo di imprenditore, ma anche la sua sensibilità sociale e politica, sempre così attento agli interessi e ai bisogni della propria comunità, sempre così fortemente legato alla nostra terra. Voglio anche esprimere la mia affettuosa vicinanza a Marialina, Andrea e Paolo e a tutta la famiglia: nel loro impegno sapranno certo degnamente proseguire lungo il percorso tracciato dal padre Guelfo”.

“Con profonda tristezza apprendo che questa notte è venuto a mancare Guelfo Marcucci, imprenditore che ha sempre guardato al futuro e puntato con coraggio sull’innovazione – scrive il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro -, scelte a volte anche audaci, che hanno portato investimenti e lavoro sul nostro territorio.  Alla moglie Iole Capannacci, ai figli Marialina, Andrea e Paolo porgo le più sincere condoglianze, da parte mia e di tutta l’Amministrazione”.

1 comment

  1. Simone 12 dicembre, 2015 at 20:24 Rispondi

    Che pena l’ italietta che si spertica in complimenti al potente di turno……dimenticandosi o facendo finta di scordarsi che Guelfo Marcucci e’ stato rinviato a giudizio dalla Procura di Napoli per omicidio colposo plurimo, l’ accusa e’ quella di aver prodotto emoderivati con sacche di sangue infetto, 80.000 sono i casi…..

Post a new comment

*