Si mette in tasca gli incassi delle vendite dei beni sequestrati alla mafia, arrestato un 53enne

0

MASSA CARRARA – Ammonta a 200.000 euro la cifra, destinata alle casse dello Stato e provento della vendita di beni confiscati in un’operazione antimafia, della quale un 53enne, direttore di un istituto di vendite giudiziarie di Massa Carrara, si sarebbe impossessato. Accusa, questa, per la quale è stato arrestato dai militari delle Fiamme Gialle, in esecuzione di una misura cautelare. Secondo quanto ricostruito dai finanzieri l’uomo, in soli due anni, avrebbe trattenuto soldi dalle vendite dei beni sotto sequestro invece che versare le cifre nell’apposito fondo unico di giustizia, le cui somme sono destinate all’Erario. “I finanzieri coordinati dal pubblico ministero Alessandra Conforti – si legge nella nota della Guardia di Finanza del capoluogo apuano – hanno ricostruito i flussi bancari e della cassa sottostanti alle compravendite”.

No comments

*

Arrestati, erano ricercati

MONTECATINI TERME – I militari del Norm hanno proceduto al controllo di un cittadino straniero che si aggirava in piazza Gramsci nel cuore della notte.  ...