Sicurezza sulla Lucca – Aulla, operative 110 telecamere

0

LUCCA – Sono accese in fase di collaudo e saranno operative in questi giorni le 110 telecamere per la videosorveglianza, installate dalla Provincia di Lucca in 16 stazioni della linea ferroviaria Lucca-Aulla.
Il progetto annunciato pochi mesi fa dall’ente di Palazzo Ducale quando fu approvato il finanziamento europeo (156mila euro circa l’investimento complessivo) diventa quindi realtà con le telecamere posizionate sia all’interno che all’esterno delle stazioni che trasmetteranno immagini consultabili dalle Forze dell’ordine in tempo reale da monitor, smartphone o tablet, ma anche recuperabili in modalità registrata, in memoria fino a 7-10 giorni antecedenti.

La Provincia di Lucca – in particolare l’assessorato allo Sviluppo economico e alle politiche dell’Unione Europea guidato da Francesco Bambini – ha ritenuto opportuno e necessario intervenire con appositi “deterrenti” ai numerosi atti vandalici di cui sono oggetto molte stazioni della linea ferroviaria della Valle del Serchio e agli atti di graffittaggio sui vagoni dei treni fermi in stazione o nei depositi limitrofi. Criticità che si sono acuite negli ultimi tempi anche perché alcune di queste stazioni sono poco frequentate o addirittura dismesse. Un problema di ordine pubblico, di decoro e di sicurezza affrontati anche durante specifiche riunioni svoltesi in Prefettura.

Quello relativo all’installazione delle videocamere è uno dei tanti progetti della Provincia relativi al trasporto ferroviario. Palazzo Ducale, infatti, si è impegnata a mantenere la gestione di alcune stazioni, a puntare sulla riqualificazione di molte altre minori, con interventi che migliorano l’accessibilità ai binari e rendendo più fruibili alcuni servizi, nonché a concretizzare il lavoro fatto sul fronte del trasporto merci su rotaia, a cominciare dal nuovo scalo a Minucciano fino al grande scalo merci della Piana di Lucca, al Frizzone, inaugurato lo scorso aprile.

Il programma di videosorveglianza è stato reso possibile grazie al progetto europeo I-Nofaracces sulla mobilità periferica per il quale la giunta provinciale ha approvato la delibera che stanziava i fondi necessari per l’installazione delle telecamere e il software di funzionamento e controllo delle registrazioni. Ad essere monitorati sono gli spazi esterni alla stazione, i locali interni, le biglietterie, le sale di attesa, le banchine dei binari dove i passeggeri aspettano il treno.
La possibilità di acquisizione di immagini sia in tempo reale che successivamente all’eventuale atto di vandalismo consentirà agli organi di polizia di effettuare le indagini per individuare i responsabili.
In questi giorni a Palazzo Ducale si è svolto un incontro proprio per predisporre l’attività di controllo che sarà a cura della Polfer, della Polizia provinciale per le stazioni di competenza, e delle singole Polizie municipali della Valle del Serchio. In preparazione, poi, c’è uno specifico protocollo d’intesa mirato proprio ad organizzare al meglio l’attività di controllo delle immagini trasmesse.

Tra gli obiettivi del progetto della Provincia c’è anche quello di consentire una migliore fruizione del servizio ferroviario garantendo spazi di accoglienza agli utenti sia pendolari che turisti in uno stato decoroso di conservazione. L’intervento dell’amministrazione provinciale, infatti, non si è limitato alla videosorveglianza: le porte delle sale di attesa delle stazioni, infatti, sono ora dotate di sistemi di apertura temporizzata per consentire l’accesso alle sale soltanto negli orari di esercizio ferroviario e per limitare ulteriormente eventuali atti di vandalismo.

Le stazioni ferroviarie della Linea Lucca-Aulla dove sono state installate le telecamere (da un minimo di 5 fino alle 12 di Castelnuovo Garfagnana), sono: S. Pietro a Vico, Ponte a Moriano, Decimo-Pescaglia, Borgo a Mozzano, Bagni di Lucca, Ghivizzano-Coreglia, Fornaci di Barga, Barga-Gallicano, Castelvecchio Pascoli, Fosciandora-Ceserana, Castelnuovo G., Villetta-S. Romano, Poggio-Careggine-Vagli, Camporgiano, Piazza al Serchio, Minucciano.

Già pronta, inoltre, la seconda parte del progetto di videosorveglianza che vedrà la Provincia installare ulteriori 30 dispositivi video in alcune stazioni della linea Viareggio-Lucca-Firenze: si tratta delle stazioni di Massarosa, Tassignano, Capannori, Montecarlo e Altopascio.

No comments

*