Socialmente pericoloso, accompagnato al Cie di Bari

0

LUCCA – Nell’ambito dei controlli finalizzati al rintraccio di cittadini stranieri irregolari che compiono reati predatori nella nostra provincia, nella mattinata del 5 novembre è stato rintracciato da personale dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Lucca un cittadino albanese di 23 anni T.A., al quale il Questore ha rifiutato il rinnovo permesso di soggiorno ritenendolo socialmente pericoloso in virtù dei reati commessi e della condotta di vita. Lo straniero, infatti, era stato arrestato nel 2012 per furto aggravato in abitazione con violenza sulle cose, in concorso con un altro connazionale nel territorio lucchese, ed era stato condannato a 8 mesi di reclusione ed al pagamento di 400 euro di multa e da allora è stato più volte segnalato per vari reati.
Al termine dei controlli di rito è stato destinatario di decreto di espulsione ed è stato accompagnato presso il Centro di identificazione ed Espulsione di Bari in attesa del definitivo rimpatrio.

No comments

*