Spaccio e uso di droghe a scuola, la lotta allo “spinello” continua

0

LUCCA – Con l’inizio dell’anno scolastico il Questore di Lucca Claudio Cracovia, ha disposto mirati servizi atti a contrastare il fenomeno dello spaccio e uso di sostanze stupefacenti in ambienti scolastici. Detti servizi, che vedono coinvolti più reparti della Polizia di Stato, si strutturano con un’attività preventiva nei plessi scolastici attuata da personale in abiti civili della Squadra Mobile unitamente ad altro personale della Squadra Volante. I poliziotti in borghese riescono a scorgere situazioni sospette che vengono immediatamente riferite alle pattuglie della Volante per i tempestivi controlli e riscontri, monitorando i soggetti dediti all’uso di sostanze stupefacenti.
Dall’attenzione del fenomeno, nella giornata di ieri in tre distinti episodi, ben cinque giovani consumatori sono stati colti nella flagranza dell’uso di droghe, con la conseguente segnalazione alla Prefettura. In uno degli episodi citati è stato fondamentale l’utilizzo delle telecamere della videosorveglianza cittadina, con le quali è stato monitorato un sito, utilizzato come luogo di ritrovo di giovanissimi che fanno uso di “spinelli”.
Poco dopo le 23, l’operatore della Centrale operativa del 113 ha notato due giovani che si appartavano accendendo delle sigarette. I poliziotti delle volanti sono pertanto giunti sul posto a piedi sorprendendo i due sedicenni mentre fumavano marijuana. Dal controllo sono saltati fuori ben tre involucri contenente “erba”.
I due giovani lucchesi sono stati accompagnati in Questura per essere successivamente affidati ai genitori. Ovviamente sono stati segnalati alla prefettura quali assuntori.
Detta segnalazione potrebbe comportare l’irrogazione di diverse sanzioni come la sospensione della patente di guida o il divieto di conseguirla, la sospensione del passaporto e di ogni altro documento equipollente, la sospensione del porto d’armi o il divieto di conseguirlo, inoltre il Prefetto potrà formulare l’invito a seguire un programma terapeutico di recupero nel caso ci sia una dichiarazione di tossicodipendenza e non di semplice assunzione saltuaria di sostanze stupefacenti.
L’attenzione verso il fenomeno è altissima e la Polizia di Stato è in costante contatto con i responsabili degli istituti di istruzione per individuare interventi comuni ed efficaci al fine di sensibilizzare i giovani verso tale grave insidia.  Ieri  sera, verso le ore 21.00, giungeva una richiesta di intervento su 113 dove un giovane riferiva di essere stato rapinato in via Pubblici Macelli. Due equipaggi della Squadra Volante si sono precipitati sul posto individuando subito il richiedente, persona nota ai poliziotti per i suoi numerosi precedenti di polizia, più volte denunciato di recente per invasione di edifici. Il ragazzo riferiva che poco prima era stato avvicinato da una persona a lui nota, che asseriva di vantare un credito. Al rifiuto di dargli dei soldi il ragazzo veniva dapprima colpito con un pugno al volto e successivamente, sotto la minaccia di un taglierino, gli veniva asportato il portafoglio contenente 10 euro, il giubbino e lo zaino contenente pochi indumenti intimi. L’aggressore si allontanava a bordo di una bici da donna. Con le descrizioni acquisite le Volanti rintracciavano, poco distante dal luogo dell’aggressione, L.C., lucchese di 25 anni, anche lui noto agli operatori, a bordo di una bici da donna, rubata in serata dalle rastrelliere presenti in questo piazzale Ricasoli. Al controllo è stato trovato in possesso di tutta la refurtiva descritta dal ragazzo aggredito. L’evento delittuoso ha coinvolto persone senza fissa dimora che vivono di espedienti ed in questo caso l’aggressore è stato denunciato in stato di libertà per il reato di rapina.

No comments

San Lorenzo con… gusto!

VIAREGGIO – Un “Negroni stellare” e specialità gastronomiche uniche per esaudire i desideri dei palati più ricercati. La piazzetta della SS: Annunziata, ribattezzata Piazza del ...