Strisciando a terra si introduce su un’auto e ruba, beccato

0

LUCCA  – La Polizia di Stato ha concluso una indagine relativa ad un furto su autovettura avvenuto nelle scorse settimane in danno di un anziano automobilista, e che per le particolari modalità ricorda episodi seriali che erano avvenuti due anni fa a Lucca, e che nei pressi del centro Commerciale di S. Vito, particolarmente colpito dal fenomeno, aveva addirittura spinto i commercianti ad affiggere cartelli che avvertivano i clienti del pericolo. In quella occasione, gli investigatori della Squadra Mobile si erano attivati, individuano i responsabili (un algerino residente a Livorno e la sua convivente italiana) che furono arrestati in flagranza, con l’ accusa di aver perpetrato almeno 9 furti a bordo di autovetture. Grazie alle informazioni girate alle rispettive Squadra Mobili, i due erano stati successivamente arrestati per analoghi motivi anche a Massa e La Spezia. L’ odioso fenomeno era sparito da Lucca, ma a gennaio si era ripresentato in danno appunto dell ‘anziano lucchese, che dopo aver fatto la spesa in un supermercato cittadino era ripartito, constatando di avere una ruota bucata. Si era fermato in un distributore, chiedendo aiuto per la sostituzione della gomma. Nel frattempo, mentre parlava con gli addetti, qualcuno furtivamente gli aveva sottratto il borsello, contenente oltre 200 euro, il cellulare e i documenti personali. I poliziotti della Squadra mobile, ricevuta la denuncia, hanno avviato le indagini e, grazie alle telecamere di sorveglianza di una vicina abitazione, hanno individuato l’ autore, ripreso mentre strisciando a terra per non essere visto si introduce nell’ auto per asportare il borsello. Si tratta di un 47enne di origini ceche, residente a Pisa, con precedenti per reati contro il patrimonio, che al termine delle indagini è stato denunciato per il reato di furto aggravato.

La sezione catturandi della Squadra Mobile ha invece rintracciato e tratto in arresto Massimo B., 43enne residente in Mediavalle, che deve scontare la pena a 10 mesi di reclusione a seguito di condanna per reati stradali, per fatti accaduti nel novembre del 2011. Dopo un passaggio in Questura per le formalità, è stato accompagnato al carcere S. Giorgio

No comments

*