Torano e l’arte notte e giorno

0

CARRARA – ( di Daniela Marzano ) – Torano, una frazione dislocata a 2 km dalla centralissima Carrara, è da sempre conosciuta come passaggio obbligato per raggiungere la zona marmifera del canale di Lorano, di Ravaccione e del Battaglino. Merito degli abitanti di questo caratteristico borgo è però di essere riusciti a farne un importante “Paese degli artisti” non solo legati al marmo, con l’instancabile attività dell’Associazione Comitato Pro Torano in sinergia con i diversi Direttori Artistici e Curatori che si sono succeduti dalla sua fondazione nel settembre 1994.

Dal 2013, dietro la Direzione Artistica di Emma Casté, Torano ha aperto le porte a tutta l’arte contemporanea, con un proprio ufficio stampa in cerca di artisti emergenti che disseminano tutte le loro opere per il paese, coinvolgendo tutti gli orgogliosi abitanti. Dal 2014 nasce anche il Premio Franco Borghetti (tra i fondatori dell’Associazione Pro Torano) che, grazie a una giuria di esperti, premia le migliori opere di artisti italiani e stranieri e nel 2015 Torano viene invitata al padiglione Toscana nell’Expo 2015 come manifestazione longeva ed innovativa.

Il tema scelto nell’ambito della 19a edizione della manifestazione Torano Notte e Giorno 2017, in corso dal 27 luglio al 13 agosto e sempre curata da Emma Casté, è “Madre Natura”, la tutela di un pianeta in sofferenza e violentato dall’uomo che non è in grado di accorgersene. Numerosi i patrocini della manifestazione ottenuti dalla Regione Toscana, dal Comune di Carrara, dalla Camera di Commercio di Massa-Carrara, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara e dal Premio Internazionale San Domenichino Città di Massa, con il quale il Comitato Pro Torano ha stretto un importante gemellaggio.

Già da qualche giorno è possibile ammirare le opere d’arte – dislocate lungo i vicoli, i fondi, le cantine, le volte e le piazze dell’incantevole borgo – realizzate dagli artisti che quest’anno annoverano, nella rosa della trentina selezionati, nomi conosciuti ed apprezzati sulla scena nazionale ed internazionale, come Emanuele Giannelli, Achille Pardini, Michele Monfroni, Sylvia Loew, Silvana Pianadei, Clara Mallegni, Kuky, Paolo Ceccon e Consuelo Zatta (solo per citarne alcuni).

Ampia la carrellata degli eventi paralleli alla manifestazione, dal pianobar alla poesia in dialetto, dallo spettacolo di magia per grandi e piccini alla serata fitness e hip hop, dal tributo ai Pink Floyd e a Fabrizio de André, al jazz e allo spettacolo comico-teatrale.

Un bell’esempio, questo di Torano, di valorizzazione del patrimonio artistico, sinergia di tutti gli attori coinvolti e tanta voglia i promuovere un territorio, come quello carrarese, da anni in affanno nella ricerca del prestigio e della sua identità di un tempo.

 

No comments

*