Toscana tra emergenza incendi e siccità, Mugnai (FI) in aula «La giunta parla in un modo e delibera in un altro.

0

«Riflessioni condivisibili, quelle della giunta su incendi e siccità, ma atti non conseguenti»: questa la sottolineatura appena espressa dal capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Stefano Mugnai, intervenuto nel dibattito d’aula seguito alle comunicazioni di giunta sulle emergenze in cui anche la Toscana si dibatte, tra roghi e carenze idriche.

Mugnai ha preso a esempio due dei maggiori provvedimenti di pianificazione adottati: il Pit e la riforma sanitaria. «Si afferma di voler incentivare l’antropizzazione degli ambienti boschivi e montani come primario presidio a difesa e tutela dei territori, poi però nel legiferare proprio in quelle aree si sottraggono servizi e quindi, in definitiva, sogni e futuro per i cittadini che volessero scegliere di vivervi potendo trarne sostentamento per sé e per le loro famiglie».

«Con il governatore Rossi – ha ricordato Mugnai – la Regione ha varato un Pit che mette sostanzialmente in una teca di vetro l’ambiente toscano. E’ bello, va tutelato. Non così, però. Intanto perché a nostro avviso ingessare il territorio non va mai bene. In Toscana, però, poi, è particolarmente sbagliato perché se il paesaggio toscano è così bello lo si deve anche alla presenza operosa dell’uomo che non è antagonista dell’ambiente, bensì sua parte integrante nel mentre lo cura col suo lavoro quotidiano».

Stessa cosa, riprende il capogruppo azzurro, per quanto attiene alla riforma sanitaria: «Non è certo sottraendo servizi primari come quelli dedicati alla salute, che si favorisce la permanenza delle persone in zone che sono periferiche per chi le guarda da Firenze, ma che per chi ci vive sono invece perfettamente baricentriche». Secondo Mugnai, «il combinato disposto di questi due interventi spinge all’abbandono dei territori ad esempio montani». Coerenza tra parole e fatti è dunque quanto Mugnai rivendica da parte della giunta.

Prima di tutto il ragionamento, però, il capogruppo di Forza Italia aveva aperto il suo intervento ringraziando tutti i volontari e operatori di tutti i corpi che si sono impegnati nel fronteggiare l’emergenza, e invitando l’Assemblea a fare altrettanto in maniera formale.

No comments

*