Traffico internazionale, 36 arresti, 2 tonnellate di droga e beni per 2 milioni sequestrati

0

FIRENZE – La Guardia di Finanza di Firenze e Varese sta dando esecuzione a 36 ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dai Gip dei Tribunali di Firenze e Milano, su richiesta delle rispettive Direzioni Distrettuali Antimafia, e sequestri di beni per oltre 2 milioni di euro. Un’operazione, questa,  che ha coinvolto sia l’Italia che diversi Paesi Europei. Le indagini sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Firenze , pm  Giulio Monferini, e di Milano, pm  Piero Basilone. Gli esiti dell’operazione odierna, costituiscono il frutto di un’ampia attività di cooperazione internazionale tra Organi centrali Investigativi, Polizie europee dei vari Stati coinvolti e delle Autorità Giudiziarie interessate.

L’attività di indagine, avviata nel marzo 2010 dai finanzieri del Gico di Firenze, denominata “VACANZE ROMANE”, corroborata da una sofisticata attività tecnica d’intercettazione e specifici servizi di osservazione e pedinamento, ha consentito di accertare l’esistenza di una struttura criminale dedita al traffico internazionale di stupefacenti, con diverse ramificazioni in Italia, riconducibile ai cittadini albanesi M. A. (alias “Sokol”) e B. K., questi ultimi operanti nei Paesi Bassi ove avevano stabilito la loro base operativa.

Dalle indagini è emerso che un importante crocevia del traffico di stupefacenti era radicato nel territorio varesino.

Pertanto, a seguito del trasferimento, per competenza territoriale, di uno stralcio dell’indagine alla D.D.A. di Milano, l’attività investigativa, denominata “MALESOR 2011”, è proseguita nei confronti del ramo operante in Lombardia, a cura del Nucleo di Polizia Tributaria di Varese.

Il coordinamento delle indagini tra la Procura della Repubblica di Firenze (PM  dott. Pietro Suchan e Dott. Giulio Monferini) – e quella di Milano (PM  dott. Piero Basilone), ha permesso di ottimizzare lo sforzo investigativo, consentendo al GICO di Firenze ed al Nucleo PT di Varese di segnalare complessivamente all’ autorità giudiziaria  94 soggetti ed ottenere l’emissione delle odierne misure restrittive della libertà personale in carcere nei confronti di 36 soggetti di prevalente nazionalità albanese, di cui  16 – tra i quali i capi indiscussi delle organizzazioni criminali in parola – destinatari di Mandato di Arresto in ambito internazionale.

Inoltre, il Gip del Tribunale di Milano ha anche disposto il sequestro, finalizzato alla successiva confisca, di 9 immobili, quote societarie di 2 imprese attive nel settore dell’edilizia, 9 autovetture e 13 conti correnti in uso agli indagati, per un valore complessivamente stimato in oltre 2 milioni di euro.

L’operazione “MALESOR 2011”, prima degli arresti odierni, aveva già consentito di conseguire rilevanti risultati operativi: il sequestro di 530 chili di marijuana, 1 di cocaina e 75.000 euro in contanti, e l’arresto di  7 persone in flagranza di reato.

Le investigazioni condotte sul versante toscano dal GICO di Firenze, nell’ambito dell’operazione “VACANZE ROMANE”, hanno permesso di sequestrare circa 15 chili di cocaina,  3,9 di MDMA (ecstasy),  1.334 di marijuana e  54 di hashish, nonché all’arresto in flagranza di reato di 16 persone.

Gli esiti dell’operazione odierna, costituiscono il frutto di un’ampia attività di cooperazione internazionale sia fra le Polizie europee dei vari Stati coinvolti, sia delle Autorità Giudiziarie interessate.

Di fondamentale importanza è stato il coordinamento e supporto tecnico-operativo fornito dalla Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, dal Comando Generale della Guardia di Finanza/II Reparto e dal Servizio Centrale Investigativo sulla Criminalità Organizzata (S.C.I.C.O.) che hanno consentito, tra l’altro, ai finanzieri dei Nuclei di polizia tributaria di Firenze e Varese, un costante e proficuo interscambio info-operativo con le omologhe Forze di Polizia dei Paesi interessati.

 

 

No comments

*