Tragedia a Tassignano, aliante si schianta al suolo: morti istruttore di volo e allievo

0

TASSIGNANO – Letizia Tassinari – Un’ala che cede, e l’aliante che precipita, schiantandosi in un campo. Due le vittime in questa mattina di agosto: Leonardo Ambrogetti, istruttore di volo 55enne di Firenze e Stefano Boschi, il suo allievo 34enne di Arezzo. Il piccolo aereo è caduto al suolo vicino all’aeroporto del comune di Capannori, e l’allarme è scattato dalla torre di volo. Immediato l’intervento di Vigili del Fuoco, 118 e Carabinieri. Ma per i due occupanti il mezzo aereo non c’era piu’ niente da fare.

0 1

E’ stato un residente della zona, Roberto Citti, il primo a vedere l’aliante piegarsi in volo, con l’ala spezzata. Il pilota ha tentato il tutto per tutto, anche azionando il paracadute di emergenza. Poi lo schianto. Con i due corpi scaraventati a terra. A circa venti metri di distanza l’uno dall’altro. Un impatto violentissimo. E la morte.

unnamedunnamed

L’ala staccatasi è quella sinistra, e il veivolo, un Grob G103 Twin Agro modello I-IVVO,  era di proprietà del Volo Velistico Toscano.

Il pubblico ministero di turno, Salvatore Giannino sul posto con i militari dell’Arma di Cortile degli Svizzeri, ha autorizzato la rimozione delle salme e i corpi sono stati trasferiti all’obitorio dell’ospedale di Lucca. Su entrambi i cadaveri saranno eseguiti gli esami tossicologici. Intanto le indagini proseguono per ricostruire la dinamica di quanto accaduto.

Anche l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del volo (Ansv) ha aperto un’inchiesta e disposto l’invio di un proprio investigatore sul luogo dov’è avvenuto l’incidente. L’aliante sarebbe precipitato dopo una manovra di risalita, probabilmente a causa di un cedimento strutturale. Un’ala si è staccata e il velivolo è immediatamente precipitato non lasciando scampo agli occupanti della cabina. Secondo le testimonianze di abitanti della zona, uno dei due, nel disperato tentativo di salvarsi, avrebbe tentato di lanciarsi con il paracadute: purtroppo però – o per un malfunzionamento del dispositivo o perchè ormai troppo vicino a terra – il sistema di emergenza non si è aperto. L’aereo è caduto in un campo fra le case di via dell’ Aeroporto.  L’aliante è un velivolo molto leggero, senza motore e dalla grande apertura alare: viene fatto decollare trainato da un aereo per poi essere lasciato libero di librarsi sfruttando le correnti ascensionali. Mistero, per ora, su cosa abbia provocato il cedimento dell’ala e la conseguente caduta, finita in tragedia.

Leonardo Ambrogetti aveva al suo attivo molte ore di volo e aveva iniziato a fare anche acrobazia con l’aliante nel 1993. Nel 2006 e nel 2007, come lui stesso aveva raccontato in un’intervista su Youtube, aveva vinto due campionati italiani assoluti di acrobazia in aliante e aveva partecipato a campionati europei e mondiali. “All’aliante mi sono avvicinato perchè a mio parere è il modo più vicino alla natura per poter volare – spiegava nell’intervista -. Non c’è motore, non c’è niente. E’ un volo veramente molto emozionante. All’acrobazia ci sono arrivato per caso perchè durante l’inverno non volevo stare fermo, ho cominciato, è andato bene e ho iniziato a fare le gare”.

Lutto in Mugello dove il pilota era socio dell’Aeroclub Volovelistico del posto.

 

 

 

 

 

 

No comments

*