Truffe agli anziani, nel giro di poco tempo portati via più di 7000 euro in contanti e monili d’oro

0

LIVORNO  – Due truffe ai danni di anziani, in poche ore.

Una signora del ’34 riferiva di essere stata truffata da un finto addetto ASA che vestito di grigio argentato si introduceva nella sua abitazione dicendole che vi era pericolo di incendio, quindi le chiedeva di mettere monili e contanti (5000 euro in soldi più monili d’oro non quantificabili) nel frigorifero per preservarli. L’uomo s’impossessava del tutto, e se ne andava.

Con lo stesso modus operandi veniva truffata anche una coppia: lui del ‘29 e la compagna del’ 37. A loro venivano portati via 600 euro in contanti e 2000 euro in monili d’ oro.

I consigli della Polizia contro le truffe agli anziani

  1. Non aprite la porta di casa a sconosciuti, anche se vestono una uniforme o dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità.
  2. Verificate sempre con una telefonata da quale servizio sono stati mandati gli operai che bussano alla vostra porta e per quali motivi. Se non ricevete rassicurazioni non aprite per nessun motivo.
  3. Ricordate che nessun Ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente.
  4. Non fermatevi mai per strada per dare ascolto a chi vi offre facili guadagni o a chi vi chiede di poter controllare i vostri soldi o il vostro libretto della pensione, anche se chi vi ferma e vi vuole parlare è una persona distinta e dai modi affabili.
  5. Quando fate operazioni di prelievo o versamento in banca o in un ufficio postale,

possibilmente fatevi accompagnare, soprattutto nei giorni in cui vengono pagate le pensioni o in quelli di scadenze generalizzate.

  1. Se avete il dubbio di essere osservati, fermatevi all’interno della banca o dell’ufficio postale e parlatene con gli impiegati o con chi effettua il servizio di vigilanza. Se questo dubbio vi assale per strada, entrate in un negozio o cercate un poliziotto, ovvero una compagnia sicura.
  2. Durante il tragitto di andata e ritorno dalla banca o dall’ufficio postale, con i soldi in tasca, non fermatevi con sconosciuti e non fatevi distrarre.
  3. Ricordatevi che nessun cassiere di banca o di ufficio postale vi insegue per strada per rilevare un errore nel conteggio del denaro che vi ha consegnato.
  4. Quando utilizzate il bancomat usate prudenza: evitate di operare se vi sentite osservati.
  5. 10. Per qualunque problema e per chiarirvi qualsiasi dubbio, non esitate a chiamare il 113. Saremo felici di aiutarvi!

 

No comments

*