Turismo, contratto scaduto: “Domani sciopero”

0

LUCCA  – Domani 15 aprile sciopero nel turismo, un contratto ormai scaduto da troppo tempo e che non riusciamo a rinnovare se non alle condizioni imprenditoriali.
Umberto Marchi segretario generale della Filcams Cgil di Lucca, esprime un dissenso per questa trattativa che si sta facendo sempre più lunga e tortuosa.
Sono oltre un milione gli addetti degli alberghi dei tour operator, delle mense, dei punti di ristoro autostradali, dei bar, ristoranti, delle agenzie di viaggio che interessa questo contratto.
Una data quella del 15 aprile particolare, infatti sarà sciopero in tutto il mondo per il secondo anno, i lavoratori dei Fast food dell’Europa, degli Stati Uniti, Asia, Oceania, Sud America, protestano contro le condizioni di lavoro di queste catene alimentari di montaggio, multinazionali del panino, primo tra tutti Mc Donald’s, molto presente anche nel nostro territorio provinciale con vari punti.

Al momento non è stano possibile arrivare al rinnovo contrattuale poiché le nostre controparti hanno deciso di mettere sul piatto, la volontà di ridurre tutele, normative e salariali, mettendo in carico ai lavoratori questo rinnovo, lavoratori che già per la loro natura in molti casi sono dei precari, basti pensare alla nostra Versilia, dove la stagione turistica è alle porte e alberghi, ristoratori e stabilimenti balneari stanno per aprire, lavoratori, in molto casi part-time e che non riescono a garantire stipendi per mantenere la famiglia.

Vogliono metterli alla fame più di quanto lo sono prosegue Marchi, un lavoratore affamato è un lavoratore disponibile anche a fare lavoro nero e noi sono anni che facciamo battaglie in particolare sul versante versiliese per gli stabilimenti balneari e non solo quelli, controlli mirati di concerto con l’ispettorato del lavoro che più volte ha preso dipendenti in nero.

Che il turismo sia in calo probabilmente è anche vero, ma forse per la poca politica di investimento che ogni amministrazione effettua, se non investono in infrastrutture se non ricominciamo a portare il turista straniero in Italia è un problema e qui si, che la politica nazionale deve dire la sua ma anche quella locale non può sottrarsi.

Un pullman per i diritti, conclude Marchi, un pullman che parte anche dal nostro territorio per raggiungere Roma, dobbiamo farci sentire e dare sostegno a questi importanti lavoratori che se impiegati e retribuiti bene, fruttano meglio per professionalità e certo fanno crescere anche la nostra economia.

No comments

*

Cluster musica, stagione d’autunno

LUCCA – La Cluster, associazione lucchese di musica contemporanea, si appresta a iniziare il suo ottavo anno di attività attraverso la Stagione di Autunno che ...