Turismo: la Toscana regge nel 2014 e guarda con ottimismo alla nuova stagione

0

FIRENZE (di Giacomo Bernardi) – Il turismo è da sempre in Toscana un settore dinamico e vitale per l’economia regionale. Qui può essere accontentata, infatti, ogni tipo di esigenza, grazie alla conformazione del territorio, decisamente eterogeneo, ed alla cospicua presenza di città d’arte. I dati che arrivano dalla ricerca del Centro Studi Turistici per conto di Toscana Promozione possono considerarsi positivi anche per quanto riguarda il 2014. Nel trimestre estivo si sono registrate circa 100mila presenze in più rispetto al 2013 (+0,5%) e alla prevedibile flessione della domanda italiana ha risposto una crescita del mercato estero (+2%).

I risultati migliori sono arrivati dalle città d’arte (+0,9%) e dalla costa (+1%), con la Versilia che ha tenuto colpo nonostante le piogge e i temporali che di luglio e agosto la hanno fortemente penalizzata. Del resto, non è così semplice disdire un viaggio dalla Russia…

Il termale/benessere, rispetto al netto calo degli ultimi anni, ha fatto registrare un notevole aumento di richieste (+4,5%). Sono in molti, italiani e stranieri, a decidere di trascorrere le vacanze all’insegna del benessere e anche per la stagione che sta arrivando si prevede la conferma di questo trand.

In montagna il calo nei mesi estivi è stato netto (-7%). Le pessime condizioni meteo hanno inevitabilmente ridotto la domanda. L’unico dato meritevole di segnalazione è l’aumento di domande dalla Russia e dalla Scandinavia e, meteo perrmettendo, questa può essere una buona base da cui ripartire.

Gli arrivi dall’estero hanno nuovamente addolcito quello che,stando alla domanda interna, è un risultato negativo. Tra i mercati in aumento si segnalano quello russo, cinese, scandinavo, svizzero e canadese con una sostanziale stabilità degli arrivi dalla Germania, dalla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti.

Il prezzo è stato l’elemento che ha condizionato la scelta della destinazione e della durata delle vacanze e le varie offerte, sconti e promozioni hanno fatto la differenza per la decisione del vacanziere medio. I risultati devono spingere a proseguire nella direzione già intrapresa: continuare cioè a rafforzare il sistema di accoglienza, con una forte sinergia tra Regione Toscana, Province, Comuni, Toscana Promozione e associazioni di categoria affinchè i nostri principali ambiti turistici siano qualificati e ben promossi durante tutto l’anno.

Gli imprenditori intervistati giudicano la scorsa stagione, nonostante il leggero aumento dei valori registrati, al di sotto delle aspettative, perchè la generale crescita dell’intera regione negli ultimi anni, aveva fatto sperare in qualcosa di più. Si guarda comunque alla stagione che viene con un generale ottimismo, fiduciosi che gli amici stranieri si confermino affascinati dalla nostra regione e che per noi italiani, beh, arrivino tempi migliori.

No comments

*