Usura, pensionato 74enne ai domiciliari con bracciale elettronico

0

PISTOIA – L’Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Pistoia, su richiesta della Procura della Repubblica di Pistoia, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, con applicazione del braccialetto elettronico, nei confronti di un soggetto per i reati di usura e di estorsione. La misura cautelare è stata eseguita dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pistoia al termine di una indagine di polizia giudiziaria avviata alla fine del 2014 sulla base di una denuncia presentata ai finanzieri da un imprenditore della Valdinievole che, per fronteggiare le difficoltà finanziarie della sua attività commerciale, si era rivolto all’usuraio per ottenere denaro al di fuori del circuito legale del credito ma che poi aveva visto aggravarsi il proprio dissesto economico a causa dei tassi d’interesse usurari compresi fino al 120% sulle cifre “prestate”. Le attività investigative, condotte con tecniche tipiche di polizia economico-finanziaria, hanno acclarato che l’ usuraio per assicurarsi la restituzione del capitale accresciuto dagli altissimi interessi non esitava a far ricorso a minacce estorsive e danneggiamenti nei confronti della vittima. Per garantire la sua solvibilità, a fronte dei prestiti di denaro per decine di migliaia di euro la vittima era obbligata a consegnare assegni bancari “a garanzia” e le somme di denaro erogate erano già decurtate dell’interesse mensile che veniva corrisposto anticipatamente. Nel corso dell’odierna attività le Fiamme Gialle hanno sequestrato titoli di credito per oltre trentamila euro, nonché documentazione nella disponibilità dell’ arrestato. Il materiale raccolto sarà esaminato per gli ulteriori sviluppi investigativi. Destinatario della misura cautelare è: B.G., di anni 74, residente a Montecatini Terme , pensionato, per i reati di cui agli articoli 644, 644 ter e 629 del codice penale.

Il successo dell’operazione trova la sua fonte di innesco proprio nel coraggio dimostrato da un imprenditore vittima del reato di usura. L’Ufficio di Procura e la Guardia di Finanza accolgono con particolare sensibilità la collaborazione delle vittime dei reati che, generando un circuito virtuoso nel rapporto tra Istituzioni e Cittadini, favorisce risposte tempestive ed incisive alle istanze di coloro che hanno il coraggio di ribellarsi ad anni di usura.

No comments

*

Il Lago dei Cigni in scena alla Versiliana

MARINA DI PIETRASANTA – Nella ricca e variegata programmazione del 38° Festival della Versiliana confezionata dal direttore artistico Massimiliano Simoni , non poteva mancare il ...