Visita del Papa a Prato, il Questore: “Ottima riuscita dei servizio di Ordine e Sicurezza”

0

PRATO – La visita pastorale di Sua Santità Papa Francesco a Prato si è svolta e conclusa seguendo il previsto programma, in assoluta serenità, senza la registrazione di alcun episodio pregiudizievole per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica e senza che alcun cittadino partecipante all’evento ricevesse il benché minimo nocumento. Il Santo Padre è atterrato intorno alle ore 08.00 nello Stadio ”Lungobisenzio” di Prato, da dove è poi ripartito alla volta dello Stadio “Ridolfi” di Firenze verso le ore 09.30 successive.

Tutte le piazze pratesi interessate dal percorso e quella del Duomo sono risultate gremite di fedeli, così come lungo l’intero itinerario una colorata e festante folla di pellegrini ha salutato il Santo Padre in completa sicurezza. Pur non essendo agevole quantificare la loro presenza complessiva, si stima in trentamila unità il numero dei partecipanti all’evento.

Sono stati impiegati complessivamente circa 300 appartenenti alle Forze dell’Ordine per il servizio di Ordine Pubblico concernente il quadrante orario interessato alla visita, mentre circa 500 unità di volontari della Protezione Civile hanno collaborato fattivamente nella piena riuscita della manifestazione. I Servizi di Ordine Pubblico sono iniziati già alle ore 13.00 del giorno precedente ed hanno interessato il punto di atterraggio dell’elicottero, cioè lo Stadio, nonché l’intero percorso del corteo papale e la piazza del Duomo.

Il personale impiegato ha operato prevalentemente in abiti civili, per ridurre al minimo ogni superflua e invasiva visibilità, trovando piena collaborazione nella cittadinanza, che dalle prime ore della nottata aveva già iniziato a riempire tutte le aree cittadine messe a disposizione per l’evento.

Il Questore di Prato Filippo Cerulo esprime pieno compiacimento per l’ottima riuscita dei servizio di Ordine e Sicurezza Pubblica nonchè per la funzionale sinergia dimostrata e garantita da tutti gli enti e le Forze di Polizia partecipanti.

No comments

*