Weekend di controlli ed arresti, in manette cinque persone

0

PISA – Nell’occasione del fine settimana, la Compagnia Carabinieri di Pisa ha disposto mirati servizi di controllo del territorio, finalizzati principalmente al contrasto della guida in stato di ebrezza o sotto l’effetto di stupefacenti, al rispetto del codice della strada ed alla limitazione della diffusione di sostanze stupefacenti.
Inoltre, nel corso dei controlli, effettuati sia dalle “gazzelle” di pronto intervento del Nucleo Operativo e Radiomobile, sia dalle Stazioni Carabinieri, sono state tratte in arresto cinque persone.
La Stazione Carabinieri di Calci ha provveduto, nel pomeriggio di ieri, a trarre in arresto A. S. K. del 92 ed A.S.C., del 72, due fratelli brasiliani regolari sul territorio nazionale e muratori, i quali in un capannone di San Giuliano Terme, di proprietà del noto imprenditore Grassini, stavano asportando diverse casse di mattonelle: il Pubblico Ministero ha disposto per i due gli arresti domiciliari, nell’attesa della direttissima che si svolgerà nella mattinata odierna.
La Stazione Carabinieri di Pisa ha invece tratto in arresto una donna italiana, B.F., classe 57, pregiudicata già conosciuta alle forze di polizia. Per la stessa è stato spiccato un ordine di carcerazione da parte del tribunale di Pisa, in esecuzione di pene per reati principalmente contro il patrimonio; rintracciata in Pisa dai militari della Stazione, la donna è stata accompagnata al carcere Don Bosco e posta in “regime comune”.
Nel pomeriggio di ieri sono giunte alcune telefonate sul numero di pronto intervento 112: nel territorio della Stazione Carabinieri di Pontasserchio è stato segnalato un motorino sospetto con due persone che sembravano guardare all’interno delle case; la targa del motorino, fornita inizialmente in maniera sbagliata e inizialmente connessa ad un motociclo oggetto di furto, ha fatto avvicinare immediatamente la pattuglia dei Carabinieri di Pontasserchio che ha rintracciato il posto dove erano state segnalate le persone sospette e le ha trovate mentre confezionavano delle dosi di eroina: denunciati un tunisino ed un marocchino, mentre un palestinese, quello che materialmente confezionava lo stupefacente, è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio.
Per l’arrestato il Pubblico Ministero ha disposto una notte nella cella di sicurezza del Comando Provinciale, in attesa del rito direttissimo che si terrà in mattinata odierna.
La Stazione Carabinieri di Pontasserchio provvederà inoltre a segnalare il nominativo del palestinese sia all’ufficio immigrazione della Questura, sia alla Prefettura, per verificare l’eventuale possesso dello status di “rifugiato” e, se ritenuto opportuno, provvedere ad un riesame del beneficio.
Il Nucleo Operativo e Radiomobile, mentre effettuava alcuni controlli agli arrestati domiciliari, ha trovato tranquillamente a passeggio M.G., italiano del 63 residente a Cisanello: peccato che lo stesso sarebbe dovuto rimanere agli arresti domiciliari presso la propria abitazione e per di più con il braccialetto elettronico.

No comments

*