A Ron Mehlman il Premio internazionale “Pietrasanta e la Versilia nel mondo”

0

Sarà l’artista americano Ron Mehlman il premiato della XXIV edizione del “Pietrasanta e la Versilia nel mondo”, il riconoscimento che il Circolo Fratelli Rosselli, in collaborazione con il Comune di Pietrasanta, assegna, ogni anno dal 1991, all’artista che più si sia distinto nella promozione, attraverso la sua opera, della creatività di Pietrasanta e dei suoi maestri artigiani. Mehlman, da oltre trent’anni a Pietrasanta, riceverà il prestigioso cavalletto bronzeo, disegnato da Romano Cosci, simbolo per eccellenza dello scultore, domenica 6 luglio, alle ore 18, nel chiostro di Sant’Agostino. L’artista sarà presente insieme allo storico d’arte e archeologo Salvatore Settis, chiamato a presentarne il percorso creativo. Interverranno il presidente del Circolo Rosselli Alessandro Tosi, il sindaco Domenico Lombardi, e il Presidente della BCC Umberto Guidugli. Al termine della premiazione si svolgerà un concerto in onore dell’artista. L’ingresso è libero.

 Classe 1939, nato a New York, Melhman s’iscrive dapprima alla facoltà di design industriale in Illinois, nel 1958 decide di tornare a New York. Mentre frequenta i corsi serali di scultura della Art Students League, riceve una borsa di studio e diventa assistente di Nathaniel Kaz. Nel 1961 partecipa a due collettive a New York e a una presso il Newark Museum; nel 1962 compie un primo viaggio in Europa; nel 1963 consegue il “Master of Art” presso la New York University. Nel 1969, dopo aver ricoperto diversi incarichi di insegnamento, è direttore dei progetti speciali della Brooklyn Museum Art School. Nel 1973 presenta la sua prima personale al Boro Hall Park di New York, a cui seguono molte altre negli USA e in Europa.
Nel 1986, ’88 e ’89 riceve borse di studio dalla City University of New York per l’esecuzione di opere monumentali e lo sviluppo della ricerca nella scultura.
Arriva a Pietrasanta nel 1980; da allora vive in città parte dell’anno, lavorando nel suo studio e presso diversi laboratori.

 

No comments

*