Al Caffe’ della Versiliana con… le medicine, le erbe, gli stili di vita

0

MARINA DI PIETRASANTA – E’ bello curarsi con le erbe, fare una sana prevenzione, seguire giusti stili di vita, ma quando una persona è seriamente malata ha bisogno di farmaci. Cosa succederebbe se domani non ci fossero più le medicine tradizionali? Nell’incontro di oggi, al caffè de “La Versiliana” di Marina di Pietrasanta ore 18.30, Fabrizio Diolaiuti, dopo aver dedicato molti pomeriggi alle medicine alternative e complementari affronta l’intricato e delicato tema dei farmaci convenzionali.  Perché le donne usano più medicine degli uomini? (8% in più dati Ministero della Sanita). Come mai c’è un così massiccio uso di farmaci? Nel 2013 si sono consumati 1679 dosi di medicinali al giorno ogni 1.000 abitanti, in media ogni italiano ha consumato 1,7 dosi di farmaci al giorno. Qual è la strada giusta per semplificare e risparmiare sulla distribuzione delle medicine? (Il 70,04% delle pasticche, fiale , supposte… che gli italiani usano per curarsi è a carico del Servizio Sanitario Nazionale). Perché i farmaci per il sistema cardiovascolare si confermano la categoria maggiormente consumata dagli italiani? Ma saranno molte di più le domande a cui, risponderanno i qualificati ospiti di questo caffè Salubre, anteprima del Festival della Salute che si terrà a Viareggio dal 25 al 28 settembre. Ecco i protagonisti. Ubaldo Bonuccelli, professore ordinario presso il dipartimento di neuroscienze UniPi, direttore scientifico ARNo, ricerca neurologica. Danilo Medica, Italy Country Manager Kedrion Biopharma. Della partita sarà anche Andra Buscemi, attore e regista protagonista de “Il Malato Immaginario” di Molier, che sta portando con successo in giro per i teatri italiani. Produzione Compagnia Peccioli Teatro. Per ogni appuntamento di Salubre è presente un grande ristorante versiliese che propone “Il Piatto della Salute”. Questa volta salirà sul palco Romano Franceschini titolare del ristorante “Romano” di Viareggio. Salubre è organizzato dalla Goodlink di Bologna.

No comments

*