Al Pucciniano la Boheme di Scola con un cast stellare

0

TORRE DEL LAGO – Nonostante i fulmini, i tuoni, la pioggia scrosciante e l’interruzione dopo il primo atto, la Bohème diretta da uno dei più grandi registi del Cinema Italiano, Ettore Scola, che con la 6oma edizione del Festival Pucciniano ha celebrato i suoi 50 anni di gloriosa carriera, ha emozionato il pubblico del Gran Teatro sul Lago.  Una firma, quella di Scola, cittadino onorario di Viareggio, insignito dell’ “onorificienza” durante Europa Cinema, per una lettura nuova, e diversa, del capolavoro del Maestro Giacomo Puccini, in assoluto la più rappresentata nel mondo.

Una bacchetta pucciniana d’eccezione, Valerio Galli, apprezzato interprete delle opere pucciniane che proprio a Torre del Lago ha visto il suo debutto, ha diretto l’orchestra in modo magistrale. Poi il cast “stellare” ha fatto il resto:  Daniela Dessì, con la sua voce melodiosa, nei panni di Mimì e Fabio Armiliato nelle vesti di Rodolfo, oltre a Alessandro Luongo e Alida berti, che hanno dato voce a Marcello e Musetta.

“Che gelida manina”,”Mi chiamano Mimì… ma il mio nome è Lucia…”, Vecchia zimarra”, tra le romanze più apprezzate. E sullo sfondo del Lago è andata in scena la commovente, e indimenticabile, storia d’amore di  Mimì e Rodolfo.

 

No comments

*