Alberi potati: dove va la legna?

0

TORRE DEL LAGO – La lamentela ripetuta al bar che gestisce a Torre del Lago, era quella di alcuni pensionati che dovevano accontentarsi di qualche ‘legnetto’, per alimentare stufe e caminetti, mentre c’era chi portava via un bel po’ di ciocchi veri, aiutato dagli operai della Sea.  Luigi Troiso, ex-consigliere comunale della lista civica Viva Viareggio Viva, non si è accontentato dei racconti e ieri mattina è andato a controllare di persona, a Bicchio, sulla via Aurelia, dove gli operai stavano tagliando degli alberi, ed ha verificato, anche con immagini fotografiche, che quegli stessi operai stavano caricando un motocarro rosso con consistenti pezzi di legno.  Non è stato difficile riconoscere che il proprietario del mezzo era l’ex- assessore al verde, Giorgio Fruzza, che trasportava il legno nel suo campo, vicino al cimitero di Torre del Lago. In pratica i ciocchi grossi avevano un destinatario ‘privilegiato’, ovvero l’ex- assessore, che colto sul fatto, è rimasto in imbarazzo, non sapendo giustificare l’azione degli operai della Sea.  Ne è nato un alterco con l’ex-consigliere Troiso che hanno sentito alzare la voce anche gli abitanti delle case vicine. “ Ho chiamato subito la presidente della Sea, Gemma Borin -dice Troiso- per fami spiegare se erano state date delle disposizioni in merito. Mi ha riposto che non ne sapeva niente e avrebbe verificato. Io penso che in questi momenti di crisi economica grave anche nella nostra città, si dovrebbe stare attenti a facilitare chi ha veramente bisogno, magari con un po’ di legna e non chi approfitta delle sue conoscenze per avere un privilegio”.

In merito alla questione sollevata dall’ex consigliere comunale di maggioranza Luigi Troiso sulla legna derivante dalle potature, Sea Risorse precisa che i cantieri di manutenzione del verde pubblico nelle aree cittadine sono regolamentatiti da specifiche procedure derivanti da leggi.  L’area di lavoro è delimitata ed è fatto divieto agli estranei di accedervi, pertanto il materiale di risulta non viene fornito ad i passanti, né tantomeno vengono aiutati a caricarlo su propri mezzi. Non si esclude invece che possa capitare che, nei momenti di pausa o nelle fasi di smantellamento del cantiere, alcuni cittadini si avvicinino per prelevare gli scarti del legname tagliato; tuttavia è un fatto che niente ha a che vedere con la prassi lavorativa, né con l’agevolazione di alcuno dal momento che le disposizioni fornite alle squadre sono chiare ed inequivocabili. Qualora qualche lavoratore sia venuto meno alle disposizioni aziendali e ciò possa essere accertato, sarà destinatario di richiamo.

No comments

*