Allarme Isis anche a Viareggio? Da quanto trapela ci sarebbero alcuni soggetti “attenzionati”

0

VIAREGGIO – ( di Letizia Tassinari ) – Allarme Isis anche a Viareggio? Bocche cucite, ma da quel poco che trapela ci sarebbero alcuni soggetti, due o tre, “attenzionati” in città. Si tratterebbe solo di simpatizzanti, e non di militanti attivi, ma il passo, senza voler creame allarmismo, è breve. Viareggio non ha “obiettivi sensibili”, come altre città della Toscana, Pisa ad esempio, dove sono state imposte misure di sicurezze sia all’aeroporto che al Camp Derby e  in piazza dei Miracoli ( leggi anche:Terrorismo: metal detector alla Torre di Pisa, vigilanza a … ). Rimane però un dato di fatto che, come la strategia del terrore insegna, oltre che al Carnevale, potrebbe essere preso di mira, per farlo saltare in aria, anche un qualsiasi supermercato, dove nelle ore di punta ci sono qualche centinaio di persone a fare la spesa. Gli anni ’70 e inizio ’80 sono storia, dall’Italicus alla stazione di Bologna, per non parlare dei Georgofili. La paura, come noto, è da sempre uno strumento di “controllo”.

Il nuovo hashtag su Twitter creato dai jihadisti dell’Isis, riportato anche dall’Ansa, “Stiamo arrivando a Roma” (#We_ Are_Coming_O_Rome), poi,  non promette niente di buono. Nel tweet postato da Site i jihadisti rilanciano la loro minaccia: “L’Isis a Roma, con la volontà di Dio”, e sono visibili foto che mostrano lunghi convogli di mezzi armati e carichi di militanti col passamontagna e le bandiere dello Stato islamico.

E’ forse un caso che a Viareggio, come scritto da Tgregione.it ( leggi anche: Piano Colombo, oggi a Viareggio la prima esercitazione –),  le esercitazioni anti bombe, su indicazione della Prefettura di Lucca, con la simulazione di una telefonata anonima  e la presenza di un ordigno bellico, siano iniziate dal Porto?

 

No comments

*