“Amici del Parco”, primo incontro per definire le linee guida del movimento

0

L’Ente Parco organizza, per venerdì 18 luglio, un incontro, al quale sono state invitate tutte le istituzioni e le associazioni più attive in campo ambientale e sociale dei comuni di Viareggio e Massarosa, per iniziare a definire, nell’area versiliese, l’organizzazione degli “Amici del Parco”, un vero e proprio movimento che comprenderà anche le GAV (Guardie ambientali volontarie) e gruppi di cittadini che vorranno aggregarsi spontaneamente e che, dopo la sua costituzione, potrà dedicarsi nel corso di tutto l’anno a supportare le istituzioni locali con interventi di pulizia del bosco, della spiaggia e delle aree paludose all’interno del Parco.

Da parte della presidenza e della direzione dell’area protetta l’attenzione sui temi delle discariche e dei rifiuti abbandonati è sempre alta, sebbene l’Ente Parco regionale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli non abbia competenze in tema di rimozione dei rifiuti lungo il litorale né nelle pinete, così come peraltro avviene in tutte le altre zone di bosco non sottoposte alla sua gestione diretta, spesso di proprietà privata o di altre amministrazioni pubbliche.
Ogni qualvolta i cittadini o le stesse associazioni maggiormente presenti sul territorio provvedono a fornire segnalazioni di tal genere, gli uffici dell’Ente Parco e lo stesso Presidente si fanno sempre parte diligente nel trasferire ai preposti organi delle amministrazioni comunali, che hanno il dovere di intervenire, le informazioni ricevute, se non altro per contribuire a ridurre i tempi che talvolta occorrono per superare certe situazioni di degrado. D’altronde gli enti pubblici, negli ultimi anni sottoposti a tagli e a contrazioni della spesa, possono non essere sempre in grado di provvedere in modo autonomo al monitoraggio di tali contesti.
E se talvolta vengono organizzate dalle stesse associazioni alcune operazioni di pulizia volontaria in diversi punti dell’area protetta, manca una visione organica e un coordinamento generale: un “esercito” di amici del Parco potrebbe quindi risolvere sia il problema della competenza, sia quello della mancanza di risorse, strumentali ed umane, che impedisce agli enti locali di realizzare piccoli interventi di pulizia del territorio, facendo divenire in futuro tali appuntamenti, al momento estemporanei ed occasionali, sempre più strutturati, inserendoli in una cornice di attività annuali.

L’appuntamento per un’iniziativa che potrà essere utile non solo per permettere di tenere più facilmente sotto controllo alcune porzioni del Parco e far sì che esse possano risultare maggiormente pulite e in condizioni di decoro, ma anche per stringere in modo più saldo il rapporto tra i cittadini e il patrimonio ambientale e dar loro la possibilità di fornire contributo ancor più prezioso alla vita dell’area protetta, è per le 10.30 di venerdì 18 luglio al Centro visite del Parco a Villa Borbone.

No comments

*