Aperitivo e musica in riva al Lago, domani con Scola e i protagonisti di Boheme

0

TORRE DEL LAGO – Un allestimento  straordinario per La Bohème che debutta sul palcoscenico in riva al lago di Puccini sabato 26 luglio per la 60.a edizione del Festival di Torre del Lago. Alla regia di questa nuova produzione la Fondazione Festival Pucciniano ha chiamato un grande protagonista – sceneggiatore prima e regista poi-  di alcune delle più belle pagine del cinema italiano, tra cui,  solo per citarne alcune,   C’eravamo tanti amati ,  Brutti sporchi e cattivi.

A Torre del Lago Ettore Scola festeggia le nozze d’oro con il cinema e ha posto la sua esperienza e la sua arte al servizio di uno dei capolavori assoluti del melodramma, ancora oggi tra i titoli più rappresentati al mondo:  la Bohème; partitura  in cui  Giacomo Puccini è riuscito ad  affrescare sogni e ideali della gioventù,  consegnandoci  un’opera assolutamente attuale e moderna.

Ed Ettore Scola che,  dal primo luglio si è trasferito a Torre del Lago per seguire l’allestimento dello spettacolo,  così racconta la sua esperienza di regista, la prima di un titolo pucciniano “Quando un regista di cinema si accinge a mettere in scena una grande opera lirica, parte spesso con propositi innovativi, che vorrebbero rivoluzionare impianti e concezioni adottati in altre edizioni rappresentate in tutti i teatri del mondo. Rivisitazioni, attualizzazioni, aggiornamenti, contributi in video e in digitale, effetti stroboscopici, infinite possibilità di ‘modernizzare’ il melodramma si affollano nella sua mente inquieta…….. Poi, per fortuna, tutto rientra: umiltà e buonsenso gli ricordano che la modernità è già in tutte quelle opere, nella musica, nei sentimenti, nell’anima che le hanno rese eterne………

E’ l’ intuizione ambientale di Puccini che mi piacerà sottolineare nella Bohème di questa stagione al Festival di Torre del Lago, con la collaborazione Maestro Valerio Galli,  la costumista Cristina Da Rold e  l’architetto Luciano Ricceri ideatore delle scenografie di tutti i miei film.

La Bohème di questa 60.a edizione del Festival Puccini, lo stesso titolo pucciniano che nel 1930 inaugurò la Stagione Pucciniana dedicata al Maestro sotto la direzione di Pietro  Mascagni, vede protagonisti due cittadini onorari di Viareggio Ettore Scola e Daniela Dessì mentre sul podio un viareggino naturale, Valerio Galli, cresciuto artisticamente a Torre del Lago ma il cui talento è già stato anche in ambito internazionale. Recente il suo debutto negli Stati Uniti al  Michigan Opera Theater di Detroit dove Valerio Galli è stato acclamato direttore dell’Incompiuta pucciniana.

Completano il cast il tenore Fabio Armiliato compagno nella vita e sulla scena di Daniela Dessì, Alida Berti altro talento versiliese, Musetta, Alessandro Luongo, Federico Longhi, Leonardo Caimi, Marco Spotti e Paolo Battaglia,  Angelo Nardinocchi, Ugo Tarquini.

Nell’incontro di domani domenica 20 luglio coordinato da Umberto Guidi sarà quindi possibile conoscere da vicino i protagonisti dello spettacolo ed ascoltare il maestro Ettore Scola nel racconto del suo progetto di regia, la prima di un’opera Pucciniana e la prima per il Festival dedicato a Giacomo Puccini.

Ingresso libero.

No comments

*