Arancia Meccanica in villa, cinque donne minacciate dal commando

0

PIETRASANTA – ( di Letizia Tassinari ) – Come nel film Arancia Meccanica. Quasi un’ora in balia di quattro banditi, che le hanno minacciate, coltello in pugno, alla ricerca di denaro e gioielli.  La rapina, questa volta, che ha visto come vittime cinque donne, due sorelle, un’anziana di 88 anni , una di 87 e una di 101, oltre a due badanti, è avvenuta all’ora di cena a Pietrasanta, a due passi dal centro storico della Piccola Atene.  La villa, di proprietà di una fiorentina, Caterina Rossi Canevari, residente da tempo in Versilia, è stata presa di mira dal commando: in quattro, accento dell’Est Europa e incappucciati che per trovare la cassaforte, e le chiavi per aprirla, olre alle minacce, “se non ci date le chiavi vi ammazziamo”,  hanno usato la violenza, rinchidendo le poverette in una stanza. Non riuscendo a trovare niente, la gang si è accontentata dei soldi trovati nelle borse , tre anelli e dei cellulari, poi, nel buio della sera, sono fuggiti. Dopo l’allarme, dato dal factotum, appena rientrato in villa, sul posto sono poi confluite le volanti del Commissariato di Polizia di Forte dei Marmi e gli uomini della Squadra Mobile da Lucca,  e la caccia ai banditi è a tutto tondo. Per come hanno agito i quattro banditi non sarebbero malviventi esperti: il terrazzino era raggiungibile da una scala, senza dover scalare un muro, e la vecchia cassaforte non conteneva la cifra importante che erano convinti di trovare.
Dopo questo nuovo episodio di criminalita’ a Pietrasanta cresce la preoccupazione. Nelle ultime settimane si registrano, in Versilia, un tentativo di furto nella villa di un anziano alle Focette che ha messo in fuga i ladri sparando in aria con la pistola scacciacani, mentre a Lido di Camaiore pochi giorni prima la proprietaria di una villa e la badante furono legate dai banditi che riuscirono a svuotare la cassaforte e fuggire

 

No comments

*