Artisti di strada, Conti: “Una lezione da Forte dei Marmi”

0

PIETRASANTA – “Domenica scorsa a Forte dei Marmi si è svolto un vero e proprio festival degli artisti di strada che ha richiamato migliaia di persone accorse per assistere ai loro spettacoli, con un buon ritorno per le attività commerciali, offrendo un ottimo momento di aggregazione per i cittadini, bambini in primis. Si è trattato di un grande evento sponsorizzato dal comune versiliese che molto ha creduto in questa iniziativa che ha incoraggiato con un’eccellente pubblicità e promozione in un periodo comunque di bassa stagione, seppur durante le feste natalizie.
A Pietrasanta invece la lungimiranza e le decisioni strategiche di alto spessore non sono di casa e preferiamo affidarci al solito camel ponce oppure ai piccioni di piazza Duomo, che fino ad oggi hanno portato molti click ma poca partecipazione diretta. Anche la luminara natalizia purtroppo non sta portando il ritorno economico tanto proclamato quanto sperato: in compenso il palazzo comunale è stato trasformato nella casa di Babbo Natale, ma anche qui di ritorni per i negozi e cittadini di Pietrasanta ne vediamo ben pochi”.

La nota stampa arriva da Nicola Conti del Pd:

“Ritornando agli artisti di strada, come gruppo consiliare abbiamo cercato di evidenziare come il nuovo regolamento comunale – che di fatto ne vieta l’esibizione – sia sbagliato: abbiamo sempre creduto, e quella di domenica ne è un’ulteriore conferma, che gli artisti e le loro colorate e variopinte performance possano essere una risorsa da valorizzare. Se qualcuno come il Sindaco la pensa diversamente, pur dopo il grande successo di pubblico che Forte dei Marmi ha avuto, dovrebbe ricredersi, tornare mestamente sui propri passi e provare a dare gambe ad una rivoluzione intellettuale e di forma che potrebbero far diventare Pietrasanta, e non solo il centro storico ma anche Marina o altre frazioni, una meta culturale appetibile anche nel periodo autunno-inverno.
È banale ma vogliamo ricordare ancora una volta all’Amministrazione che Pietrasanta ha bisogno di un’offerta culturale e turistica di grande richiamo e l’esperienza di Forte dei Marmi mette ancor più in evidenza la cantonata che il nostro comune ha preso con questo “regolamento” senza se e senza ma verso gli artisti di strada”.

No comments

*