Aspettando…“Dark Optimism. L’Inedito Sguardo di Lynch”

0

PIETRASANTA – Tutti a chiedersi se all’atteso vernissage di “Dark Optimism. L’Inedito Sguardo di Lynch”, che andrà in scena il prossimo 23 agosto, alle ore 19 a Palazzo Panichi, ci sarà anche lui, il regista e “poligrafo” David Lynch. Noto al grande pubblico per film come Eraserhead, Elephant Man,Dune, Velluto Blu per citarne alcuni, per il telefilm Twin Peaks che incollò alla tv milioni di telespettatori in tutto il mondo, a Pietrasanta Lynch presenterà fotografie e litografie in anteprima naziona. Gli organizzatori non confermano e neppure escludono una breve incursione dell’artista americano.

Musicista e cantante (ha realizzato 2 dischi, Crazy Clown Time del 2011 e il recente Big Dream del 2013), sceneggiatore e scrittore, fumettista, designer (la maggior parte degli arredamenti dei suoi film sono realizzati dall’autore, che sfrutta l’esperienza di falegname del padre, cui si aggiunge la progettazione del locale parigino “Silencio”, collabora con il mondo della moda (come testimonia la recente collaborazione con lo stilista Laboutin), pittore si ricordi la recente mostra antologica alla Fondation Cartier di Parigi), autore televisivo, di video musicali e spot pubblicitari .

In questo complesso universo espressivo, la fotografia ha un ruolo determinante. La serie presentata in anteprima italiana a Pietrasanta, “Women and Machines”, presenta 16 opere realizzate in un inquietante bianco e nero, che declinano due delle componenti portanti della poetica lynchiana. Donne e macchinari colti nella loro duplice valenza di elementi “creatori” e “distruttori”.

La mostra presenta per la prima volta anche l’attività litografica di Lynch, scoperta a partire dal 2007. L’artista da allora ha realizzato oltre 200 litografie, affascinato dall’antica tecnica e dalla fascinazione dell’atelier Item, a Parigi, dove i maggiori protagonisti dell’arte contemporanea del XX secolo hanno concepito prima di lui grafiche; tra questi Picasso, Ernst, Dubuffet e molti altri.

Sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e dalla Cassa di Risparmio di Lucca, Pisa e Pistoia, l’esposizione sarà anche integrata dalla proiezione di una serie di cortometraggi realizzati da Lynch, strutturando così un inedito percorso nell’inquietante e complesso universo creativo dell’artista americano.

No comments

*