Avviso di burrasca, mare forza 7: stop a immersioni, le vedette proseguono le ricerche

0

VIAREGGIO – ( di Letizia Tassinari ) – Ricerche a vuoto, anche per oggi.  Dei corpi dei due pescatori, i cugini Nello e Fabrizio Simonetti, dispersi dalla notte del naufragio del loro peschereccio, il Giumar, non c’è traccia.Una giornata lunga, inziata questa mattina alle primi luci dell’alba ( LEGGI ANCHE: Naufragio, task force in azione: si cercano ancora i corpi dei due pescatori dispersi  E Nuova immersione sul relitto: i sommozzatori del 5°Nucleo da Genova ispezionano il Giumar    E Il Giumar inabissato: ecco le immagini del relitto  ) e andata avanti fino all’imbrunire. Mentre le vedette della Capitaneria di Porto hanno perlustrato in lungo e largo la zona a 20 miglia dalla costa di Livorno dove ieri un diportista, che questa mattina ha messo a verbale la sua testimonianza, ha avvistato un corpo galleggiare in acqua,  i sommozzatori del 5° Nucleo della Guardia Costiera da Genova, con i colleghi dei Vigili del Fuoco, immergendosi più volte, hanno ancora una volta ispezionato il relitto, senza però trovare niente. Le ricerche si sono estese  fino a 8 miglia da Capo Corso utilizzando un velivolo ad ala fissa della Guardia Costiera, l”ATR 42, proveniente dalla Base aerea di Pescara e due elicotteri della Base aerea della Guardia Costiera di Sarzana. Avviso di burrasca,  e mare forza 7, hanno costretto i sub a interrompere le ricerche poco prima del tramonto, mentre i mezzi navali in forza alla Capitaneria proseguono in superficie, sia marina che terrestre. Un’agonia senza fine, per i familiari che da giorni attendono notizie sulla fine dei loro cari.  La speranza, a questo punto, è che il mare restituisca i corpi, ormai senza vita, per dare la possibilità alla famiglia di dare ai due cugini una degna sepoltura. “Le famiglie di Fabrizio e Nello – scrivono i familiari – ringraziano di cuore tutti gli uomini della Capitaneria,  per primo il comandante Davide Oddone,  per tutto l’impegno messo nelle  ricerche dei nostri cari, e la loro disponibilità nello starci vicini. E un ringraziamento va anche a tutte le persone parenti e amici che ci hanno confortato nell’attesa straziante di una buona notizia dal mare”.

No comments

*